Utente 413XXX
Egregi Dottori,

Ho 30 anni, peso 90 kg e sono alto 1,90. Mi avvalgo di questo utilissimo sito per chiedere anche un vostro autorevole parere.
Premetto dicendo che, in generale, tendo ad essere un tipo abbastanza ansioso e anche un po ipocondriaco ma in buona salute generale. Ho subito solo un intervento di varicocele qualche anno fa. Il problema è che sia con la mia precedente fidanzata che con le mie attuale partner occasionali, non so se dovuto ad un problema organico o ansioso, quando mi accingo ad avere un rapporto sessuale vado in difficoltà con l'erezione (sia a raggiungerla che a mantenerla). Tuttavia, quasi sempre, dopo la prima "cilecca", la situazione (magari mezz'ora dopo) migliora sensibilmente, in alcuni casi (quasi sempre) riuscendo ad avere e completare il rapporto. Durante la masturbazione, la qualità dell'erezione è decisamente buona. Di contro, solo raramente ho erezioni mattutine o spontanee durante la giornata. La cosa che ho notato, è che il tutto (forse è questa la causa o la conseguenza) è accompagnata da una scarsissima libido che si accentua esageratamente quando sono con la partner e in procinto di avere un rapporto. Fino a qualche anno mi bastava anche baciare una donna e avevo un'erezione rocciosa. Spinto dalla preoccupazione, qualche anno fa, mi recai da un andrologo il quale mi ordinò di fare l'ecodoppler penieno dinamico, un elettrocardiogramma e le analisi generali; tutto era nella norma (nonostante io abbia una vena varicosa alla gamba). Feci anche le analisi di testosterone e prolattina, e quest'ultima forse potrebbe essere la chiave di volta al mio problema. Riporto i valori:
- testosterone 536 ng/dl(range: 270-820)
- testosterone libero 17,5 pg/ml (range: 4,5-42)
- prolattina *15,6 ng/ml (range 2-15)

Il valore della prolattina è poco piu alto ma non so se è sufficiente a causare il calo della libido (anche in fase di prelievo ero un po teso e so che questo puo influenzare il valore). Non ho diabete, pressione alta o altro. Non mi resta che pensare si tratti di un problema alla prostata anche se le funzionalità sono normali, l'unica cosa che avverto è ogni tanto un piccolo bruciore dopo un rapporto o un tentativo di ottenerlo (dopo un po pero mi passa). Alla luce di quanto descritto, puo essere un problema di ansia a condannarmi in questo modo? Quando mi appresto ad avere il rapporto sento un bel po di tensione addosso ma tale disfunzione erettile ad intermittenza e calo della libido è la causa o la conseguenza? Grazie per il tempo che mi dedicate.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Igino Intermite
24% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Da quanto racconta, e dall'esito degli esami che ha riportato, anche iomi orienterei per una problematica su base ansiogena. Direi che la terapia psico-comportamentale potrebbe essere di grande utilità nel suo caso.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Alle indocazioni del dr. Intermite, la invito a consultare queste letture, ma se volesse approfondire nel mio sito personale www.valeriarandone.it , e nel mio blog http://www.medicitalia.it/valeriarandone ne troverà tante altre.

Sembra trattarsi di un d.e su base psicogena, ma una rigorosa diagnosi confermerà il tutto e le dirà come risolvere davvero


http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.htm
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1225/Deficit-erettile-un-
http://www.medicitalia.it/blog/psicologia/6154-ruolo-donne-deficit-erettivo-uomo.html