Utente 347XXX
Buonasera,
a causa di difficoltà erettive, l'andrologo mi ha consigliato di effettuare un ecocolordoppler penieno basale e dinamico.
Ho paura che l'ago possa danneggiare i tessuti e compromettere ancora di più la situazione.

Sono paure fondate?

Infine, se fino ad ora rispondo già bene agli inibitori del PDE-5, è davvero utile un esame del genere?
A cosa servirebbe sapere dell'esistenza di un problema vascolare se, di fatto, la soluzione per tornare allo status quo ante non esiste? Dovrei comunque affidarmi alle pillole , che però eliminano il sintomo e non la radice del problema.

Grazie a chiunque vorrà rispondermi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,in medicina,prima si pone una diagnosi,poi si prescrive una terapia.Nel suo caso ho l'impressione che ciò non si sia verificato.Metodologicamente può avere un senso eseguire un ecocolordoppler dinamico ma non capisco dove abbia tratto le conclusioni prognostiche relative ai modi ed i tempi dell'impiego degli inibitori della fosfodiesterasi.Comunque,la singola iniezione intracavernosa non crea danni ai corpi cavernosi.Cordialità.