Utente 414XXX
Buonasera dottori, dopo l'ennesima delusione con le immaginabili ricadute psicologiche, sono a chiedervi un consiglio, un aiuto. Mio marito, 60 anni, fisicamente in forma, soffre da anni di diabete che tratta con farmaci e insulina. Dall'anno scorso, purtroppo, le erezioni sono pressoché svanite ed il rapporto ormai dura pochi....secondi. Lui non si sente più uomo. Su consiglio di un andrologo, l'unico che ha dato un po' di affidabilità dopo diverse altre visite deludenti -per mio marito faticose psicologicamente- anche presso centri ospedalieri rinomati (una dott.ssa ci ha liquidato dicendo che doveva solo masturbarsi di più), ha utilizzato il cialis, prima con dosaggio bass e quotidiano poi, visto il fallimento, con dosaggio alto circa un'ora prima del rapporto. Ma... Niente...e ormai coricarsi per noi ē diventato uno stress. Ho notato che stringendo la base del pene con le dita sembra ci sia un certo turgore ma appena si tenta il rapporto...non si riesce nemmeno più a realizzare una penetrazione. Il suo umore peggiora quotidiansmente e la mia ansia cresce in modo proporzionale. Cosa possiamo fare? Un anello per il pene potrebbe servire? Lui non ha più intenzione di prendere farmaci e non vuole fare le iniezioni, e lo posso capire. Ma non riesce ad accettarsi. Mi consigli, per favore... Grazie infine

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

che dice l'andrologo di fiducia di suo marito?

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/278-disturbi-erezione-diabete-mellito-fare.html

http://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 414XXX

Iscritto dal 2016
Caspita dottore, velocissimo! Grazie mille. L'andrologo aveva suggerito le micro iniezioni ed eventualmente un ecodopler - credo fosse questo l'esame consigliato - per vedere come funzionava il sangue nei corpi cavernosi. Se si fosse notato un rapido deflusso del sangue... Allora non ci sarebbe stato nulla da fare se non la protesi. Mio marito gli chiese se lui, come medico, se la sarebbe fatta inserire ed il medico risposvdi no. Quindi ora mio marito non vuole nemmeno fare l'esame perché in caso di risultato sfavorevole avrebbe la certezza di essere diventato impotente. È così si continua a provar ed ogni volta è peggio

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006