Utente 414XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 23 anni, da un pò di tempo, circa un mese, mi ritrovo qualche problema quando sono in intimità con la mia ragazza..
Premetto che non credo di soffrire di eiaculazione precoce, perchè da quanto ho letto è un problema che non ti permette nemmeno di cominciare il rapporto o quasi..comunque in linea di massima entro i 2-3 minuti eiaculo.
è un problema che mi è sorto nell' ultimo mese di rapporti,prima avevo rapporti soddisfacenti con la mia partner da più di un anno e non capisco da cosa derivi questo problema.
Quello che mi sembra strano, sempre da quello che ho letto in internet, è che se lei mi masturba o mi fa del sesso orale, posso durare anche 15-20-30 minuti che si discosta dal problema dell'eiaculazione precoce!
Aggiungo che ansia da prestazione non mi capita di averne in quanto delle mie dimensioni sono soddisfatto e prima di cominciare un rapporto non ho ansia perchè non penso al fatto che non potrei durare abbastanza o farmi altre paranoie..
Quindi la mia domanda è questa: Può l'eiaculazione precoce insorgere anche dopo un anno di rapporti "normali" e può essere che ne soffra io?
-Inoltre: quanto la componente psicologica incide sull'eiaculazione precoce ed eventualmente come affrontare il problema?
-come ultima domanda: ho letto anche che gli uomini con l'esperienza imparano a "controllarsi", cosa vuol dire? come si controlla lo stimolo dell'eiaculazione?

Vi ringrazio in anticipo per la vostra attenzione ed il vostro tempo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,a tutte le età ma,particolarmente,nella età giovanile e quando non si convive con una donna,i tempi della eiaculazione possono variare da partner a partner e/o con la stessa partner nelle diverse tipologie di rapporto sessuale.Quindi,nessuna meraviglia ma,anche,nessuna regola...!Va da se che gli aspetti psicologici siano sempre presenti ma,con la convivenza,spesso,il quadro clinico si ottimizza.Potrebbe essere,questa,una buona occasione per consultare un esperto andrologo e valutare una strategia terapeutica vincente e sinergica.Cordialità.