Utente 841XXX
buonasera,sono un ragazzo di 21 anni della provincia di palermo.tengo subito a precisare che sono felice delle mie "scelte sessuali".
Da piu di un mese frequento una persona del mio stesso sesso(non è la prima esperienza di questo genere)e abbiamo gia avuto diversi rapporti ma gia dal primo di essi ho notato subito alcuni particolari che mi piacerebbe esporli a Voi dottori per poter sapere qualcosa in piu e trovare un possibile rimedio.
Come ho gia detto,nel primo rapporto,dopo aver fatto petting in maniera molto leggera(per essere più esplicito e sincero lui era sdraiato sotto a pancia in su e io sdraiato sul suo petto)abbiamo continuato con un rapporto anale in cui lui ha fatto la parte attiva.Dopo neanche 5 minuti lui si ferma e io capisco il perchè,quindi chiedo come mai avesse fatto cosi presto,lui ha risposto che lo eccito troppo.Subito dopo ha raggiunto l'orgasmo con la fuoriuscita dello sperma.Cio che non riesco a capire è che adesso,a distanza di un mese e piu dal primo rapporto,il problema persiste ancora e spesso,dopo averlo fatto la prima volta non passa la voglia di rifarlo e a volte si ricomincia,solo che la seconda volta per eiaculare perde più tempo rispetto alla prima. COSA è QUESTO PROBLEMA?Cosa posso fare,o possiamo fare,per evitare che il rapporto si svolga in tempi molto brevi?ci sono cure naturali senza ricorrere a farmaci?
RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE I DOTTORI CHE SARANNO GENTILISSIMI DI FORNIRMI QUALCHE RISPOSTA E QUALCHE RIMEDIO...SCUSATE ANCORE LA TROPPA SINCERIA' E LE ESPLICITAZIONI SENZA PUDORE,SPERO CHE ANCHE IN QUESTO CASO VENGA PREMIATA LA SINCERITA'...GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
si tratta di una incapacità a controllare il riflesso eiaculatorio e quindi il problema rientra nel grande capitolo dell'eiaculazione precoce, come lei stesso del resto ha intuito dando il titolo al suo post. Prima di pensare comunque ad eventuali terapie bisogna capire quale è la possibile causa di questo problema e quindi bisogna consultare in diretta un esperto andrologo .
Per avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione dell’eiaculazione le consiglio, a questo punto, di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=27950.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Utente 841XXX

Iscritto dal 2008
beh.molto probabilmente è dovuto al fatto che lui stesso dice che lo eccito tantissimo...comunque visualizzerò subito l'articolo e la ringrazio infinitamente
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Cara lettrice ,
comunque siamo curiosi e, se lo desidera, ci tenga informati sugli eventuali e futuri sviluppi del problema.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com