Utente 233XXX
Salve a tutti gentilissimi medici, vorrei sottoporvi un quesito: una mia parente di recente è stata ricoverata d'urgenza in ospedale per un edema polmonare, dopo alcuni esami le è stato diagnosticato una sostituzione della valvola aortica. Al momento si trova ricoverata ancora in ospedale per ulteriori esami tra le quali la coronorografia in attesa di essere sottoposta all'intervento, ma dato che pesa sui 40 kg le hanno detto che ha bisogno prima di fare una dieta per ingrassare altrimenti non sopporterebbe l'intervento. Anche secondo voi è così e se non riesce con la dieta a quali eventuali rischi potrà andare incontro? Grazie per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
Mi pare di capire che la sua parente è sottopeso (40 Kg, ma quanto è alta ?) ed è affetta da una patologia della valvola aortica (stenosi aortica? insufficienza aortica? endocardite?) in attesa di intervento.
Se il dimagrimento è avvenuto in tempi brevi e se la paziente adesso è in discreto compenso, forse prima di operare, occorrerebbe fare ulteriori accertamenti. Ma se la diagnosi è endocardite aortica o/e la paziente è in compenso emodinamico scadente (per intenderci: è ancora in edema polmonare), probabilmente l'intervento non è da rimandare (pur con rischio aumentato).
Se vuole mi invii ulteriori dettagli.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2006
Gentilissimo dottor Bardi, la ringrazio tantissimo per l sua solerte risposta...Uno dei medici che l'hanno in cura al momento le hanno detto che è sottopeso, ma essendo di costituzione mingherlina e non essendo alta ho dei dubbi che questo possa incidere sull'intervento.
Al momento del ricovero le è stato detto di essere affetta da scompenso cardiaco il quale le provoca insufficenza respiratoria ed aveva del liquido nei polmoni.
[#3] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
Segua i consigli dei colelghi cardiochirurghi: occorre sempre valutare il rapporto rischio/beneficio. Se le condizioni della paz adesso sono in miglioramento, probabilmente l'intervento è differibile.

cordiali saluti