Utente 415XXX
Nella primavera 2015 comincio ad avere dolore al ginocchio sinistro. Eseguo rx che riporta iniziale sclerosi del piatto tibiale interno. Dall'esame RMN viene refertata una linea fratturativa del menisco mediale. Mi rivolgo allo specialista ortopedico che diagnostica una sindrome meniscale mediale ginocchio sin. e prescrive cicli di laserterapia, ionoforesi con Artrosilene, ginocchiera elastica per 3 settimane, Transact cerotto sulla zona dolente, Cartijoint plus cp 1 per 15 gg + ciclo di infiltrazioni intrarticolari con Hyalgan fl per 4 volte.
Completata la terapia (settembre 2015) il dolore scompare per ripresentarsi qualche mese dopo (gennaio 2016) nella stessa zona e più intenso di prima. Torno dallo specialista che allora consiglia l’intervento in artroscopia.
Il 13 aprile 2016 vengo sottoposto all’artroscopia da cui risulta che il menisco è sano e si riscontra plica sinoviale mediopatellare che viene asportata. Torno a casa e eseguo terapia con Clexane 4000 per 15 gg., paracetamolo 1000mg 2cp per 4 gg. Uso le stampelle in carico parziale e seguo le indicazioni dello specialista, tra cui esercizi graduali riabilitativi. Prognosi 20 giorni.
Cinque giorni dopo mi presento per la visita di controllo e il medico consiglia altri 10 gg con le stampelle e fisioterapia per risoluzione fase acuta.
Comincio un ciclo di 10 sedute di rieducazione funzionale con il fisioterapista. Una settimana dopo l’inizio della fisioterapia ricompare il dolore che dopo l’intervento era scomparso, ancora più intenso (fine aprile-inizio maggio 2016). Mi viene consigliato un secondo ciclo che però sospendo dopo avere consultato nuovamente il chirurgo che mi aveva operato, il quale mi fa un’infiltrazione e mi dice di camminare senza stampelle. Il dolore aumenta sempre più. Su consiglio del chirurgo assumo cortisone per 5gg che dà un po’ di sollievo ma solo temporaneo (qualche giorno).
A questo punto ripeto la RMN (10 giugno 2016) e il referto è il seguente: “Lesione a tutto spessore a decorso pluriraggiato del corpo e corno posteriore del menisco mediale accompagnata da lieve sofferenza dell’emipiatto tibiale sottostante. Discreto versamento articolare”. Ometto le altre osservazioni sulle strutture articolari che sono nei limiti della norma. Intanto il dolore non accenna a diminuire neanche con analgesici e antinfiammatori.
Ieri, 22 giugno, torno dal chirurgo che ammette di trovare il tutto molto strano e mi fissa la data del 6 luglio p.v. per un nuovo intervento artroscopico.
Nel pomeriggio consulto un altro chirurgo ortopedico che dall’anamnesi, dalla visita e dalle immagini delle due risonanze conclude che il menisco era già lesionato lo scorso anno e che ora la rottura è molto più rilevante per cui è necessario l’intervento. Avverte però che alla mia età (55 anni) e con un problema di obesità di grado medio, sconsiglia di fare l’intervento a soli 3 mesi dal precedente soprattutto per il rischio di algodistrofia. Il consiglio è di attendere l’autunno.
A chi credere?
[#1] dopo  
Dr. Nicola Fredella
24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2010
Mi sembra di capire dalla sua storia clinica che il problema potrebbe essere non già nella vera o presunta lesione meniscale quanto nel sovraccarico del compartimento mediale come dimostra la sclerosi dell'emipiatto interno ( e dal fatto che tra farmaci ed infiltrazioni le sono stati fatti dei trattamenti per la sofferenza cartilaginea).
E' necessario procedere ad uno studio piu accurato del compartimento interno, anche leggendo il resoconto dell'intervento a cui è gia stato sottoposto.
Nel caso in cui vi sia un problema di sovraccarico mediale, può eseguire continuare a fare artroscopie ma il problema non le si risolverà; ma andrà presa in considerazione l'ipotesi di procedere ad una protesi monocompartimentale di ginocchio
[#2] dopo  
Utente 415XXX

Iscritto dal 2016
Grazie delle sue osservazioni. Anche il mio medico di base pensa che il problema non sia tanto il menisco ma la sofferenza della cartilagine sottostante. A questo punto mi sottoporrò nuovamente all'artroscopia per la regolarizzazione del menisco e poi le farò sapere come evolve la situazione. Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Nicola Fredella
24% attività
8% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2010
La regolarizzazione del menisco, se il problema è cartilagineo, è totalemente inutile; comunque immagino che i colleghi che la visiteranno sapranno valutare per il meglio.