Utente 205XXX
Mia moglie ha effettuato una rx scapola dx per sospetta cisti.
esito rx:

Non lesioni ossee focali di significato evolutivo..

Presenza di opacita' calcifiche proiettantesi in prossimita' del trochite omerale e del margine inferiore della glenoide.

Cosa puo' significare.

In attesa, un salutone.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giovanni De Paula
24% attività
4% attualità
4% socialità
VALLEDORIA (SS)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2016
Che a livello osseo non hanno trovato niente.
Ha delle piccole calcificazioni in prossimità di alcune"sporgenze" ossee lungo il decorso del t. Sovraspinato e del t. Sottoscapolare che fanno parte della cuffia dei rotatori probabilmente per una patologia cronica degli stessi.
Sarebbe utile integrare, per confermare questo sospetto, con una ecografia della spalla.
[#2] dopo  
Utente 205XXX

Iscritto dal 2011
Grazie, gentilissimo faro' richiedere una ecografia.

Secondo Lei serve urgente o posso rivolgermi al SSN.

Un salutone.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni De Paula
24% attività
4% attualità
4% socialità
VALLEDORIA (SS)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2016
È una patologia cronica.
Può tranquillamente rivolgersi al SSN anche se dovesse aspettare 5-6 mesi.
[#4] dopo  
Utente 205XXX

Iscritto dal 2011
Gentilissimo dottore, sono ancora a disturbarLa.

Il ns medico curante ha prescritto un'ecografia tessuti molli
scapola dx: questo e' il referto:

Ecografia cute e sottocute:
in corrispondenza della tumefazione clinicamente apprezzabile
medialmente al margine scapolare si apprezza formazione ovalare disomogenea ci circa 40x13mm.
verosimilmente riferibile ad elastofibroma.

Il ns curante dopo aver visionato il tutto, ci ha consigliato di
monitorare la tumefazione e alla fine dell'anno di ripetere
l'eco.
Secondo Lei e' una prassi corretta?
Eventualmente chi potrebbe essere lo specialista a cui potremmo rivolgerci per la gestione del tutto?
In attesa, un salutone.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni De Paula
24% attività
4% attualità
4% socialità
VALLEDORIA (SS)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2016
La lesione descritta è una formazione benigna spesso derivante da pregressi traumi o da infiammazione cronica recidivante ( per esempio chi trasporta grossi pesi sulle spalle in continuazione o ripetuti movimenti di rotazione delle stesse ) .
Ovviamente una volta trovata una lesione necessita di almeno un controllo a breve durata per poi fare follow up periodici a scadenze più lunghe.
La prescrizione medica per la prossima volta al posto della valutazione del tessuto cutaneo e sottocutaneo fatela muscolo tendinea per la spalla perché è facile che questa lesione si accompagni ad alterazioni degenerative croniche della cuffia dei rotatori.
Se vuole contattare uno specialista un ortopedico le valuta anche la spalla mentre per il solo elastofibroma va bene un dermatologo.