Utente 288XXX
Salve, sono un ragazzo di 27 anni e ho sempre sofferto di eiaculazione precoce. Anni fa mi sono sottoposto ad una visita specialistica e l'andrologo ipotizzando una prostatite mi prescrisse dei farmaci, i quali successivamente non si rivelarono efficaci. Durante la visita però il dottore mi disse che il frenulo poteva essere considerato leggermente corto e mi accennó alla possibilità di operarmi. Io rimasi perplesso in quanto il glande si è sempre scoperto senza nessun problema, e non ho mai provato dolore durante il rapporto. Una cosa alla quale ho fatto caso solo ultimamente però è che nella masturbazione, durante il movimento dall'alto verso il basso il glande tende a schiacciarsi verso il basso seguendo il movimento del frenulo. Puó essere sufficiente questo per identificare il frenulo come corto e valutare un'operazione?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il ricorso alla frenulotomia é abbastanza frequente nei casi di eiaculazione precoce primitiva e/o dinanzi ad una difficoltà nello evaginare il prepuzio sul glande.Comunque,la decisione di operare o meno,va lasciata allo specialista reale di riferimento che ha il vantaggio di poterla visitare.Cordialità.