Utente 238XXX
Gentili dottori,
vi scrivo per ricevere qualche consiglio riguardo un difetto estetico della mia testa che si è presentato da qualche mese.
Premetto che ho l'abitudine di rasare i capelli frequentemente, almeno ogni due settimane ma anche meno da molti anni. Porto sempre i capelli rasati.
Nonostante in famiglia ci siano persone che hanno perso i capelli, io non credo di aver ereditato la calvizie anche perchè ho un tipo di capelli di colore e consistenza diversa dai miei parenti. Non mi è mai capitato di notare una perdita di capelli come ho detto ma da un pò di tempo ho notato che nonostante ci siano tutti i capelli devo avere qualche problema forse solamente estetico al cuoio capelluto perchè appena i capelli crescono di qualche millimetro dopo la rasatura si notano varie chiazze sulla testa. Non so se riesco a rendere l'idea a parole infatti volevo postare delle foto ma non è possibile su questo sito. Comunque i capelli ci sono tutti ma si notano delle "chiazze" anche ampie in certi punti, un pò come se il cuoio capelluto sia di colore diversi in punti diversi. Ho cercato qualche informazione e mi sono fatto un idea per cui si potrebbe trattare di un problema di idratazione conseguente alla costante rasatura, o qualcosa tipo una desquamazione del cuoio capelluto. Dato che a livello estetico non è molto piacevole vorrei qualche consiglio da esperti per sapere cosa posso fare per rimediare a questo problema. Ho letto che forse applicando degli oli per idratare la cute si può rimediare ma vorrei qualche consiglio più preciso. Spero possiate capire e rispondermi per qualche aiuto. Vi ringrazio per l'attenzione e rimango in attesa.
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Salve.

L'insorgenza di "chiazze" necessita di una valutazione diretta da parte dello specialista dermatologo di fiducia, al quale Le consiglio di rivolgersi.

Fino a quel momento non prenda iniziative personali e non applichi nulla!


Prego,
dott. Serafino Pietro Marcolongo