Utente 167XXX
Gentilissimi Dottori buonasera ,ho scritto varie volte sempre per problemi riguardanti le extrasistoli.
a distanza di due anni dall ultimo controllo dopo un influenza intestinale durante e dopo la quale sento che le exstra si sono intensificate
decido di mettere l holter,durante l attesa dei giorni le extra sono diminuite anche cn l aiuto di ansiolitici essendo ansiosa . ad ogni modo metto l holter scrivo le ie sensazioni strane,, ebbene ritiro i risultati e di exstra nemmeno l ombra niente di niente .....mi chiedo allora cosa
sento quando percepisco dei vuoti se nn e stato segnato nulla....cmq dopo 10 gg passo due giorni interi alle prese con le exsrasistoli
mi sembrava di nn poter fare alcun movimentp semza sentirne una....vi chiedo con un holter fatto 10 gg fa....devo rifare tutto o devo pensare che il mio stomaco e la mia ansia mi facciano bruttti scherzi...?prendo zopranol 30 3 sequacor 1,25 per la pressione ormai da due anni. spesso ho aria nello stomaco . grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Guardi,
se i sintomi che lei definisce "Extrasistoli" si sono verificati durante la registrazione Holter, lei li ha segnalati e il tracciato non li ha messi in evidenza, mi pare con tutta evidenza che siano delle sensazioni soggettive a probabile partenza gastrica in soggetto ansioso.
Si tranquillizzi e non ripeta alcunché.
A margine lei dice di assumere 30 mg/die di Zofenopril + 3 compresse da 1.25mg di Sequacor.
1.25x3= 3.75
Vi è una formulazione di sequacor da 3.75 mg.
A me sembrerebbe più razionale assumere in dose unica al mattino, appena sveglia l'intera dose di Bisoprololo e in tarda mattinata i 30 mg di Zopranol.
Assumere 1,25 di Sequacor x 3 al dì non ha alcun senso se non quello di sfasare la farmacocinetica del beta bloccante.
Ne parli con il medico.
Saluti,
Dott. Caldarola.