Utente 838XXX
EGREGIO DOTTORE, DESIDERO AVERE DA LEI UN CHIARIMENTO E UN CONSIGLIO IN MERITO ALL'ESAME EFFETTUATO
COME PREVENZIONE.:
Anamnesi: diabete NID ( non capisco se io non ho diabete )
Asse succlaveare pervio ed esente da lesioni
Assi carotidei pervi con pareti lievemente ispessite
Piccole lesioni di parete iperecogene diffuse bilaterali
Arterie vertebrali pervie e demodulate al Tillaux ed in V3
Assenti lesioni significative
Ispessimento lieve del complesso medio intimale
IMT 1,8 mm
Conclusioni lieve iperplasia medio intimale dei TSA
L'angiologo che ha eseguito l'esame mi ha detto di non preoccuparmi ma non credo che sia cosi.
Per piacere mi dia un consiglio, cosa devo fare e se e' vero come dice una mia amica che dovrei prendere
la cardioaspirina. e' consigliabile ripeterlo prima? quando?
grazie della risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei in anamnesi viene descritto come affetto da diabete NON insulino dipendente.
"non capisco se io non ho diabete":io non capisco che cosa vuole dire...
E' importante che lei mantenga una buona emoglobina glicata e assuma la opportuna terapia che sicuramente il medico le avrà prescritto, insieme alla dieta. Che la P.A. sia < a 120/70.
Il suo Ecodoppler dei TSA non è così tragico: sicuramente una terapia antiaggregante deve essere presa in considerazione e anche quella con una statine, di cui sfruttare l'effetto endotelio protettivo e di riduzione della HSPCR.
Ne parli con il suo medico.

Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 838XXX

Iscritto dal 2008
Grazie della risposta abbastanza celere ma sempre non riesco a capire la frase che ha scritto come Anamnesi diabete NID.Non ho mai sofferto, la glicemia e' apposto .Gentilmente dottore in maniera semplice in modo da non preoccuparmi puo' darmi il significato? Quando ho fatto l'esame non mi e' stato chiesto niente, non penso che dall'esame eseguito si possa vedere se una persona potra' avere il diabete. grazie della risposta
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
la risposta le è stata fornita dopo 43 minuti dal consulto quindi è una risposta celere non abbastanza celere.
E' tardiva la sua replica dopo tre giorni.
Tanto premesso, lei ha copiato ciò che ha scritto il collega:
"Anamnesi: diabete NID" che significa che nella sua anamnesi le è stato riscontrato un diabete Non Insulino Dipendente (NID è un acronimo), cioè di II tipo, più frequente nei soggetti sovrappeso ma per nulla raro nei soggetti normopeso.
Da dove il collega abbia desunto questo dato io non posso saperlo: conseguentemente non posso fornirle nessuna tranquillizzazione.
Se lei ha una glicemia che lei ritiene normale, potrebbe avere una emoglobina glicosilata che va fuori range di normalità e la fa classificare come diabetica NID.
Faccia una telefonata a chi le ha fatto l'Eco e chieda: la soluzione è semplice.
Può essersi trattato di una svista.
Faccia sapere se vuole.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 838XXX

Iscritto dal 2008
GRAZIE, A GIORNI DOVRO' ANDARE PER UN MIO PARENTE E CHIEDERO' ALL'ANGIOLOGO CHE HA ESEGUITO L'ESAME.SICURAMENTE SI SARA' SBAGLIATO.LE FARO' SAPERE.COMUNQUE GRAZIE.