Utente 829XXX
Ringrazio fin d'ora per l'aiuto che vorra'darmi.Ho 38 anni sono alta 1 m e 65 e peso 74 kg,conduco una vita sedentaria e sono proprio una pigra per quel che riguarda l'attivita' fisica...Sono pure molto ansiosa e mi innervosisco facilmente(aime').Mi e' capitato che al ritorno da un viaggio(CORTO) in macchina come passeggera,ho sentito all'improvviso un forte dolore proprio tra i seni nel mezzo,giusto al centro,un dolore ora forte ora si calmava per poi riprendere mi e' sembrato che si intesificasse al momento della deglutizione,o con il respiro.Niente dolori alle braccia tranne alla stessa altezza dietro alla schina come se appartenessero l'uno all'altro,anche se quest'ultimo e'venuto un po' dopo,il dolore alla schiena mi ha obbligata a prendere una posizione migliore non accasciata com' ero prima mi sono messa dritta inarcando la schiena proprio per trovare sollievo e mi e' sembrato che la soluzione migliore per non scatenare il dolore al petto fosse non deglutire.Per spiegarle meglio questo dolore assomiglia molto (TRANNE PER LA SCHIENA)quando si manda giù un boccone troppo grande che se ne sente tutto il passaggio,ecco proprio cosi',però duraturo e piu' doloroso.Dopo 10 min.circa e' passato il dolore più grande sia quello dietro lo sterno che alla schiena.E' passata un'ora dall'episidio e mi e' rimasta un po' la sensazione che se deglutisco in fretta tornera' il dolore a causa di un lieve fastidio ancora li al centro dei seni!Mi sono un po' spaventata perche' rispetto a questi sintomi si parla di infarti ecc.mi devo preoccupare?Non vorrei che il mio medico di base pensasse che mi preoccupo per ninte!Grazie per il suo tempo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'ipotesi più probabile dell'origine del suo dolore, per come lo descrive, è uno spasmo esofageo (contrazione prolungata e duratura), tuttavia non sapendo se lei ha fattori di rischio cardiovascolari (familiarità, fumo, stress, diabete, dislipidemia, ipertensione arteriosa) debbo consigliarle comunque di effettuare una visita cardiologica con ECG.
Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 829XXX

Iscritto dal 2008
DOTT.MARTINO LA RINGRAZIO E PROVVEDERO' AL PIU' PRESTO.