Utente 415XXX
Salve! Il mio papà ha 52 anni e da circa 5 anni é stata diagnosticata la cirrosi epatica...purtroppo da un paio di anni si sta aggravando...l'anno scorso ha preso la setticemia, che per fortuna sono riusciti a prendere in tempo...dopo circa 2 mesi ha avuto un ascite che sono riusciti ad eliminare con i drenanti...adesso di nuovo pero con un problema..i drenanti non fanno piu effetto quindi hanno dovuto aspirare 5 litri di liquido...lui ha l affanno e le caviglie gonfie e un po viola..il suo colore ê normale a parte negli occhi un po giallo...lui fortunatamente non ha nessun tipo di dolore a parte un po di debolezza...questa sera mi ha detto che e andato di corpo e ha trovato molto sangue vivo...puo essere dovuto dalla malattia? Gli hanno fatto anche una rettoscopia circa 15 giorni fa e gli hanno parlato di emorroidi... e di calcoli alla colicisti... lui ha tanta fame e urina e va di corpo tutti i giorni..si é sempre ripreso grazie a dio ma io sono sempre molto preoccupata...devo davvero preoccuparmi? Ha dovuto fare delle trasfusioni di sangue perche da quando ha preso la setticemia ha le piastrine molto basse...io sono molto ansiosa e vorrei avere un po di chiarezza in piu da qualche esperto...un medico qualche mese fa miha detto che la situazione ê grave ma puo salvarsi....non ci capisco piu niente...aspetto vostre notizie...grazie mille...
[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
4% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signora, suo padre è un uomo giovane ed ha una cirrosi scompensata non dice per quale causa (epatite, alcolismo, fegato grasso o altro). ma la situazione è molto grave perchè ho l'impressione che non sia seguito da medici specialisti della malattia. suo padre ha bisogno di un trapianto di fegato e quindi deve rivolgersi ad un epatologo che segua il papà. ma la cosa migliore è rivolgersi ad un centro trapianti (quello di Ancona le è vicino) per valutare la situazione in modo serio e competente. se vuole può andare in quella sede anche a nome mio. cordialmente