Utente 413XXX
Buongiorno, volevo chiedere un parere sulla mia situazione. 13 anni fa, a seguito di macroematuria mi sono stati diagnosticati con un' ureterorenoscopia diagnostica destra " a livello di tutti i gruppi caliciali plurime piccole aree arrossata di significato angiomatoso " che non sono state coagulate in quanto in quel momento non stavano sanguinando. Il problema in seguito mi si è ripresentato spesso ed è stato trattato con antiemorragico. Adesso mi trovo in uno stato di gravidanza ( 33esima settimana ) ed hanno ripreso a sanguinare dal mese di marzo. Ho chiesto parere a diversi urologi se questa situazione possa comportare un problema al parto, ma non ho avuto risposte esaustive e soprattutto concordanti ( in quanto alcuni mi hanno detto che non è un problema ed altri l'esatto opposto ) che mi hanno creato molta confusione e soprattutto ansia. Quindi vorrei un vostro parere riguardo alla possibilità di poter partorire naturalmente o a quella di dover ricorrere al cesareo per evitare problemi. Aspetto notizie,
Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In linea di massima non riterremmo giustificati eccessivi timori, dopotutto si tratta di una situazione ben nota e che non ha dato alcun segno di evoluzione nel tempo. Il sanguinamento non può essere così cospicuo da diventare preocucpante. Sulle modalità del parto decide evbetualmente l'ostetrico non ci pare vi siano da porre delle condizioni particolari dal punto di vista urologico.