Utente 415XXX
Buongiorno.Scrivo per chiedere un consulto riguardo ad un problema di candida riscontrato 6 mesi fa,che è diventato ingestibile,tenendo inoltre conto del fatto che per lavoro sono costretta a viaggiare spesso.Il 26-01 durante una visita ginecologica è stata rilevata la presenza della candida,di cui non mi ero mai accorta per assenza di sintomi. Mi è stata prescritta una confezione di Fluconazolo 150 mg (2 capsule) e ovuli Macmiror Complex per i giorni seguenti al ciclo. Tuttavia, dopo il ciclo ho iniziato a sentire dei bruciori fortissimi;in contemporanea ho riscontrato una forte cistite e perdite di sangue nelle urine,attenuate poi con farmaci da banco.La situazione è peggiorata e i bruciori si sono fatti più forti. Il medico di famiglia,il 19-02 mi ha quindi prescritto una Ciproxin 500mg, ipotizzando un’infezione delle vie urinarie,e Gynocanesten crema per curare la candida,che si presentava con perdite biancastre e bruciori molto forti. Non avendo ottenuto miglioramenti,su entrambi i fronti,mi è stato prescritto un test di urinocultura,risultato negativo (e ph 6).In una visita ginecologica del 01-03 mi è stato prescritto Fluconazolo 100mg da assumere nei giorni 1,4,11, dopo un mese e dopo un altro mese,Vagilen 250mg per il terzo giorno di cura (2 confetti ogni sei ore per 4 volte al giorno) e da ripetere dopo una settimana, Miconal crema,da usare prima di andare a dormire.Nonostante abbia seguito attentamente le prescrizioni i bruciori hanno continuato a persistere.Tornata dalla ginecologa il 24-04,prima del termine della cura,mi sono stati prescritti Lorenil 200mg ovuli e Femi,probiotici da inserire in vagina la sera al termine del ciclo.Dopo tutto questo calvario i sintomi non sono cessati e le perdite si sono fatte più consistenti e “ricottose”,per non parlare dei bruciori che spesso mi costringono a letto e della cistite.Non fidandomi più della ginecologa e non sapendo cosa fare,mi sono rivolta ad una naturopata (11-05),che mi ha consigliato lavaggi interni ed esterni con olio tea tree,utilizzo di probiotici Femelle da inserire la sera e l’uso di olio di Calendula calmante. A seguito di questi trattamenti ho riscontrato un po’ di sollievo temporaneo (questione di ore o pochi giorni).Successivamente mi ha suggerito di “lavorare” sull’intestino, prescrivendomi Ozovit,da assumere per 6 giorni,Enterelle, da assumereper i 6 giorni successivi,Bioflor (probiotici) fino al termine della confezione.Ho un compagno,con cui ho SEMPRE avuto rapporti protetti e che non sembra essere stato “contagiato”(non sono presenti macchie rosse sul pene); durante i rapporti,non provo dolore. In questo periodo mi è stata riscontrata una intolleranza ai lieviti,latticini e caffè; pertanto sto evitando queste sostanze.Durante il ciclo utilizzo solo la coppetta mestruale.Il mio timore è che questo disturbo sia cronico. Esistono cure più “forti” per debellare questo fungo?Non so più a chi rivolgermi, considerando anche il costo notevole delle cure e delle visite.
[#1] dopo  
Dr. Cesare Gentili
28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Dopo aver accertato con un tampone vaginale ed un tampone uretrale la assenza di candida e di germi banali prenderei in considerazione l'idea di una vestibolite e o trigonite.
Chiederei al suo ginecoloco di valutare anche questa possibilià
[#2] dopo  
Utente 415XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per il suggerimento, parlerò il prima possibile con il ginecologo.
[#3] dopo  
Utente 415XXX

Iscritto dal 2016
Gentile Staff,
A seguito di una nuova visita ginecologica, la dottoressa si è rifiutata di visitarmi prima di avere i risultati di un tampone vaginale e dell'urinocultura. Purtroppo devo attendere settembre per una nuova visita, ma vi scrivo nuovamente per avere un vostro parere: i risultati degli esami sono entrambi negativi. Effettivamente quest'ultimo mese non ho più avuto bruciori, anche se le perdite continuano ad esserci anche se meno consistenti (so che probabilmente il risultato del test potrebbe essere in falso negativo dato da un abbassamento del numero dei batteri, che però sono ancora presenti). L'unico momento in cui ho avuto degli attacchi di cistite (credo, perché a volte non riesco più a capire da dove provenga il dolore) sono stati i primi due giorni di ciclo.
Inoltre, nell'ipotesi che possa trattarsi di vestibolite, non dovrei provare dolore durante i rapporti? Per fortuna, in quei momenti non provo ne bruciori, ne dolori.
Vi ringrazio ancora.
[#4] dopo  
Dr. Cesare Gentili
28% attività
20% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Nel caso di una vestibulite si, nel caso di trigonite no.
Ad ogni modo la mia era solo un ipotesi da valutare alla luce dei disturbi riferiti.
Comunque il fatto che gli esami siano negativi e che questo mese stia meglio allontana òa possibilità di questa evenienza
[#5] dopo  
Utente 415XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio molto per la tempestiva risposta.