Utente 219XXX
Buongiorno,
circa un anno fa sono caduto dalla bicicletta e mi sono procurato una frattura del capitello radiale, ulna e coronoide (triade terribile) con lussazione del gomito.

Sono stato ingessato 20 giorni e poi operato al CTO di Torino. L'intervento è andato bene, ma da settembre hanno cominciato a vedersi segni di calcificazioni dalla radiografia mensile di controllo nonostante la fisioterapia costante. A ottobre le calcificazioni apparivano molto più pronunciate e la mobilità del gomito peggiorava sempre più nonostante la continua fisioterapia. A novembre, la Tac evidenziava due enormi calcificazioni ed il gomito era pressoché immobile a 90 gradi, al punto che mi è stato sconsigliato proseguire la fisioterapia.

Sono in lista di attesa per un intervento per rimuovere le calcificazioni.

La mia domanda è la seguente: visto che è probabile che le calcificazioni si possano ripresentare nuovamente dopo il prossimo intervento (così mi è stato detto), al fine di evitarle, non potrebbero essere utili una serie di sedute di onde d'urto "preventive" (dopo l'intervento), in modo che, nel caso in cui le calcificazioni si comincino a formare, attraverso le onde d'urto vengano eliminate immediatamente?

Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
La "TRIADE TERRIBILE" (Frattura capitello radiale+frattura del processo coronoideo+lussazione posteriore) è una delle patologie più terribili (appunto) del gomito.
Quanto le è accaduto è, purtroppo, nella norma e, non a caso, si chiama proprio così poiché quando succede tale evento è veramente un dramma per il paziente prima di tutto ma anche per il chirurgo.
Quello che le è stato proposto è corretto sia in termini di progetto terapeutico sia in termini di incertezze sul futuro.
Attivare una terapia preventiva con onde d'urto non è tra le scelte prioritarie perché non ci sono ancora studi scientifici a proposito ma quello che può fare è affidarsi alle cure dei colleghi che, certamente, le sapranno dare tutti i consigli per scongiurare tale pericolo.
AUguri