Utente 282XXX
Salve mia madre di anni 65 è da più di un anno che accusa stanchezza e debolezza specialmente agli arti superiori, è sofferente di osteoporosi ,la settimana scorsa ha effettuato le analisi del sangue è tutto nella norma tranne la vitamina D che ha voluto eseguire il medico di famiglia,il valore della vitamina D è 23,3 sul referto leggo che sotto a 10 è deficienza tra 10 e 30 insufficienza tra 30 e 100 è sufficienza maggiore di 100 e tossicità,mia madre assume oramai da un anno la vitamina D “di base” una volta a settimana 25 gocce,abbiamo parlato col medico di famiglia e mi riferiva che deve continuare ad assumere le gocce stesso dosaggio ma intanto mia madre lamenta il fatto che non può più alzare le braccia e che ogni tanto si gonfiano le mani,mi chiedevo è possibile che esistono solo queste gocce per la vitamina D? e comunque oramai è un anno che le assume,secondo voi devo farla visitare da un professionista ortopedico?mia madre è alta 1,55 e pesa 50 kg
Cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Enrico Pelilli
24% attività
12% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
La vitamina D è una vitamina importante per il metabolismo osseo, ma, ultimamente, si sono scoperte altri effetti collaterali importanti e tutti vantaggiosi (avrebbe un'efficacia, per esempio, nella prevenzione dei tumori, delle coronaropatie, nella demenza senile.....).
Altra cosa utile sapere è, per esempio, che non si conoscono effetti tossici, per cui non c'è da preoccuparsi di assumerne troppa, e che, essendo liposolubile, l'organismo sa immagazzinarne l'eccesso, per recuperarlo all'occorrenza.
Personalmente assumo 40 gocce di DiBase alla settimana, tranne nel periodo estivo, quando prendo più sole, da diversi anni e ho la stessa età di sua madre, senza alcun effetto collaterale.
L'osteoporosi, comunque, non può essere curata con la sola vitamina D, ma è necessario un trattamento anche con difosfonati (l'Alendronato è uno dei più usati) e, se la dieta ne è povera, anche con sali di calcio.
Per quel che riguarda la sensazione di stanchezza (astenia) questa va indagata soprattutto dal medico di famiglia, per una valutazione cardiorespiratoria (valutazione pressione del sangue, elettrocardiogramma, Rx torace, esami ematochimici) ed ematologica.
[#2] dopo  
Utente 282XXX

Iscritto dal 2012
la ringrazio