Utente 416XXX
Buongiorno,
all’inizio dell’anno ho scoperto di avere la tiroidite di Hascimoto. Non prendo farmaci perché il TSH va bene. Spesso mi pulsa la palpebra inferiore destra, oppure altre parti del corpo (ad esempio un braccio o una parte di dorso della mano) e a volte ho problemi di infiammazione all’intestino. Potrebbero essere disturbi associati alla tiroidite?
All’inizio della diagnosi, mi sono stati consigliati degli integratori alimentari tra i quali:funghi medicinali, melatonina, olio di fegato di merluzzo, potassio e magnesio.
Siccome mi sforzo molto per seguire un’alimentazione variegata e salutare (anche se senza latticini - perché ho scoperto essere intollerante) vorrei limitare al massimo l’utilizzo degli integratori perché temo che abusare con questi non vada bene.
Ad esempio è vero che l’utilizzo del potassio se non necessario può danneggiare i reni? Sarebbe ugualmente efficace il solo magnesio?
Il mio orientamento è stato quello di seguire dei cicli di cura con gli integratori consigliati, prima ho assunto funghi medicinali, poi ho fatto un periodo di pausa, in seguito ho fatto un periodo con l’olio di fegato di merluzzo. Prendo, quando mi ricordo, una bustina di potassio e magnesio (circa una alla settimana) e solo quando ne sento necessità delle gocce di un preparato contenente passiflora valeriana e melissa, per l’ansia . Ho anche acquistato la melatonina, ma non l’ho ancora utilizzata.
Potreste darmi qualche indicazione su come comportarmi?
Grazie mille.
Maya
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe , Christian De Sanctis
24% attività
8% attualità
16% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2015
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA:

Gentile utente,
da chi le sono stati consigliati tali integratori?? Da un medico? Il mio consiglio cmq , è quello di affidarsi sempre ad un esperto e mai abbandonarsi al fai da te!
1)la pulsazione palpebrale è un mioclono che non ha a che vedere con la tiroide,la tiroidite di Haschimoto può associarsi a malattie intestinali quali celiachia e colite ulcerosa.
2) l'uso eccessivo di integratori di potassio possono provocare ipekaliemia,ma una bustina la settimana non credo influisca ,inoltre non è che l'assunzione di potassio danneggia i reni,se questi funzionano bene in genere eliminano quello in eccesso,il problema avviene semmai quando è presente un' insufficienza renale,allora possono non riuscire ad eliminare il potassio che si accumula nel sangue, determinando così una iperkaliemia e in tal caso è assolutamente da evitare l'assunzione di integratori a base di potassio.
3)la melissa non è indicata in persone che soffrono di disturbi alla tiroide, andando essa ad agire sul TSH, possono essere assunti invece la valeriana e la melatonina.
Il mio consiglio conclusivo è che qualunque tipo di integratore lei decida di assumere,lo faccia sempre sotto valutazione di un medico esperto in nutraceutica o fitoterapia, a seconda dei casi di riferimento!Cordialmente!
[#2] dopo  
Utente 416XXX

Iscritto dal 2016
Gentile Dott. De Sanctis,
grazie molte per la risposta.
Metterò in atto da subito i consigli che mi ha dato nell'attesa della visita specialistica che farò tra qualche mese (già prenotata da un po').
Avevo bisogno di capire come comportarmi in questo periodo di attesa. Grazie ancora



Maya

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe , Christian De Sanctis
24% attività
8% attualità
16% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2015
Di nulla...felice di esserle stato di aiuto!