Utente 379XXX
bungiorno dottori chiedo un gentile consulto.
ho 30 anni e sono ormai 3 mesi che soffro di un dolore a livello epidimo, addome lato sinistro e schiena.
sono in cura con il mio dottore di fiducia tra l altro primario di urologia della mia zona.
tutto e' cominciato a fine febbraio con bruciore a urinare, dolore parte uretra, testicolo sinistro, schiena e addome solo parte sinistra. ad oggi il dottore mi ha eseguito lui stesso ben 6 ecografie reni, testicoli, vescica, prostata, vie seminali. mi ha fatto fare esami sangue e urine, proteina c reattiva e tutto e' risultato perfetto! no varicocele, no idrocele, no calcoli, no masse, l'unica cosa ha rilevato un a piccola microcisti all'epididimo ma puo' questa dare questi dolori?
eseguito poi anche a marzo spermiocultura dove aveva rilevato batteri misti di probabile origine uretrale quindi praticamente 3 mesi con antibiotici bactrim, keraflox, giaision, topster e antinfiammatori vari.
mi ha esuguito lui personalmente massaggio prostatico con antibiogramma colturale settimana scorsa dopo 3 mesi di antibiotici e l'esame ha dato esito negativo.
la sua diagnosi e' prostatite e epididimite il problema che io ad oggi anche se va leggermente meglio non mi sento ancora guarito nel senso che continuo ad avvertire dei dolori alti e bassi a livello epididimo, addome e schiena.
cosa si potrebbe fare secondo voi a questo punto come dice il mio dottore il dolore e frutto di una infiammazione residua? io inizio a essere abbastanza stanco e pensare al peggio non so piu' dove sbattere la testa! vi ringrazio per tutto l'aiuto e i consigli che potrete darmi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente
Sono prostatiti che rientrano nelle sindromi dolorose pelviche croniche. Non semplici da trattare e necessitanti di tempo e pazienza nel trovare l'iter terapeutico giusto. Le terapie vanne da quelle antinfiammatorie fino alle terapie per il dolore che coinvolgono meccanismi neurogeni centrali. Attuando inoltre regole di vita e dieta corretta. Si fidi del suo urologo. Non penso che online possa trovare un aiuto o un consiglio migliore. A presto
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
egregio dottor Bottai innazitutto la ringrazio molto per la gentile risposta.
volevo solo chiederle secondo lei io sono stato paraticamente 3 mesi senza avere rapporti dato il dolore forte che avevo e adesso quando ho un rapporto ho notato di avere un eiaculato piu abbondante e piu' appicciccoso puo' essere anche quello sempre dato dall'infiammazione residua o dalla lunga astinenza?
e gentilmente volevo anche chiederle lei mi ha scritto che esistono terapie per il dolore dei meccanismi neurogeni quali sarebbero? dovrei valutare un'enventuale visita neurologica?
la mia paura ad oggi e' di avere qualcosa di importante a livello addome ma il dottore visitandomi mi ha solo detto che e' uno stato infiammatorio del colon discendente, delle vie seminali, prostatite e epididimite e mi ha spiegato che le cose sono legate tra loro tant'e' che io sento male solo dalla parte sinistra secondo lei e' giusto?
la ringrazio molto e le auguro una buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Concordo con il suo urologo. Al momento deve seguire la terapia che le è stata proposta. Non c'è bisogno di alcun neurologo...Ho detto solamente che tali dolori, quando non si arrivano ad avere benefici con le terapie convenzionali, si trattano come dolori neuropatici utilizzando altri tipi di farmaci. Per quanto riguarda lo sperma, le alterazioni qualitative potrebbero essere correlate all'infiammazione. Non penso che abbia niente di importante se non un infiammazione. Il collega che la segue è sicuramente preparato e saprà quello che dice. Mi faccia sapere. A presto
[#4] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
egregio dottore la ringrazio ancora tanto oltre che all'apporto professionale medico anche al lato umano mi ha tranquillizzato molto la sua risposta.
adesso il dottore mi ha prescritto questa mattina dei probiotici e un antinfiammatorio per il colon.
attendiamo il suo corso quindi sperando finisca in fretta.
la ringrazio ancora molto le auguro una buona giornata