Utente 854XXX
Gentilissimi dottori, vi espongo il problema. Dopo due anni passati fra innumerevoli partner occasionali da tre mesi a questa parte ho conosciuto una ragazza della quale mi sono innamorato. Abbiamo passato due mesi di intensa attivita sessuale ( giornaliera ), poi improvvisamente, al rientro a lavoro dopo le vacanze estive ho cominciato ad accusare dei problemi di erezione e bruciori intensi durante la penetrazione a seconda della posizione dell'asta.Faccio presente di non aver mai sofferto di problematiche simili e di avere sem,pre avuto un intensa attivita sessuale senza mai intoppi e imbarazzi.
Su consiglio del mio medico di famiglia mi sono sottoposto ad una batteria di esami quali prelievi del sangue, urinocoltura, bio renale, bio vescica, bio prostata. Tutti gli esami sono negativi e denotano una perfetta normalita' fisica. Di seguito il mio medico mi ha prescritto un tampone urettale del quale sono in attesa degli esiti. Il medico che ha operato il tampone mi ha subito riferito che ha notato un'anomalia urettale, ovvero che l'uretra è molto stretta. Faccio presente che all'eta di 7 anni sono stato operato a causa dell'uretra troppo corta, che è stata ricostruita, ma in 30 anni non ho mai avuto problemi. DA un mese è mezzo la vita sessuale è diventata un inferno. Non raggiungo un erezione decente e accuso una mancanza di desiderio all'atto sensuale, detto in sesno generale.
Aspetto l'esito del tampone, poi magari mi rivolgero' ad un andrologo.
Pensate ci sia una componente di forte stress ( come il lavoro ) dietro il mio problema??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro lettore,
un consulto da uno specialista si impone. Non posso dirle altro di costruttivo via e.mail Fiducia e ottimismo, si risolverà. Mi tenga informato se lo desidera.
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,da quanto riferisce,si evince che,finalmente,ha deciso di farsi seguire da uno specialista.Chiarita la fase strettamente urologica,legata alla precedente (o attuale) stenosi urtetrale,in attesa degli esiti del tampone uretrale ultimo ed infine,in relazione alle eco (non bio...) eseguite ,che dimostrano un benessere generale,consulterei un andrologo esperto per affrontare a 360 gradi la disfunzione erettile.Cordialita'.
[#3] dopo  
Utente 854XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio per la vostra gentile risposta, speravo in qualche vostra ipotesi in piu' , ma mi rendo conto che il mezzo informatico impone le sue barriere.