Utente 394XXX
Buonasera. Chiedo scusa se sarò prolisso ma devo spiegare tutto partendo dall'inizio. Io ho sempre avuto problemi laggiù diciamo. Fin dall'infanzia mi ricordo che spesso avevo bruciori fortissimi al pene. Ero un bambino ma li ricordo bene perchè mi dovevo bloccare anche in mezzo alla strada se stavo giocando. Il dottore di famiglia di allora, anche mano a mano che crescevo, mi faceva fare analisi del sangue e delle urine e a volte diceva a mia madre che avevo un'infezione e mi faceva prendere delle pasticche di cui sinceramente non ricordo il nome. Crescendo la cosa non migliorò. Ricordo i primi momenti dell'adolescenza quando, come tutti, sperimentai la masturbazione. Io ho un prepuzio molto abbondante e non riuscivo nemmeno a "scappellare" il pene. Provavo dolore. Il medico diceva che forse andavo circonciso ma poi provando da solo piano piano il prepuzio divenne più "elastico" e ad oggi non mi da più nessun dolore anche se la pelle che ho è tanta come prima. Mi capitava spesso e mi capita ancora oggi di avere un flusso di urina irregolare o spesso doppio e di dover andare la notte in bagno (al massimo una volta) ma il medico in questo caso mi diceva che la cosa poteva essere benissimo fisiologica. Poi ricordo un giorno, avrò avuto 18 anni, che tornai a casa dopo una partita di calcetto ed avevo un dolore molto forte ai testicoli che però svanì il giorno dopo. Il mio medico mi disse di fare una ecografia ai testicoli. Non uscì nulla, nessun varicocele ne nient'altro. Fatto sta che il dolore passò e tutto andò in secondo piano. Poi cominciarono ad accadere altre cose strane: a volte dopo essere andato in bagno a defecare se il tutto avveniva con difficoltà (a volte ero stitico), dopo lo sforzo cominciavo ad avere un dolore molto forte che non so spiegare al glande ed uno stimolo continuo ad urinare ma se urinavo il dolore era anche più forte. Il tutto durava circa 30-40 minuti e poi scompariva. La cosa si ripresentava quasi tutte le volte che avevo episodi di stitichezza. A quel punto mi rivolsi ad un urologo il quale mi disse che secondo lui avevo una prostatite. Mi diede degli antibiotici. Feci il ciclo da lui descritto ma non ebbi alcun miglioramento. Per quanto riguarda i rapporti sessuali purtroppo non ho mai avuto una ragazza veramente stabile. Ho quasi sempre avuto rapporti col preservativo e con quelli non ho mai avuto problemi a parte episodi di eiaculazione precoce se era da parecchio che non avevo rapporti. Con una ragazza (diciamo quella con cui sono stato più tempo) ho avuto rapporti non protetti e forse sarà anche per il fatto che lei a volte era scarsamente lubrificata ed anche per il fatto che avevamo rapporti abbastanza ... "forti"... a volte mi capitava che il glande si arrossasse, comparivano dei puntini rossi e delle specie di escoriazioni che scomparivano dopo due giorni di riposo. Se lei era ben lubrificata non mi accadeva nulla di tutto questo. Darò maggiori dettagli se qualcuno risponderà. Al momento ho raggiunto il limite di caratteri.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
esegua ecografia transrettale, ecografia addome completo, uroflussometria e esame urine poi consulti bravo collega. Impossibile dirimere il suo rpoblema via computer.