Utente 405XXX
Gentili dottori buongiorno. Volevo chiedere un consiglio:
venerdì pomeriggio verso le ore 16.00 nel sonno, ho avvertito un dolore fianco destro, posteriore e
leggermente anteriore, per intenderci poco sopra la fossa iliaca, che si irradiava anche posteriormente. Ho avuto, quasi nell'immediatezza la fortuna di essere visitato da un medico il quale mi faceva sdraiare palpandomi addome anteriore, negativo per dolore alla difitopressione, manovra del Giordano negativa in quanto non avvertivo dolore alla percussione. Mi somministrava spasmex, dopo un'ora circa il dolore si attenuava. Ho vomitato circva 7 volte e avuto attacchi di diarrea circa 4 volte. Ho preso fermenti. Nella giornata di sabato bene, mentre sabato sera nuovo dolore acuto sempre sul fianco destro tra un dolore e un bruciore sempre allo stesso posto. Lo stesso medico vicino di abitazione, mi somministrava Toradol. Il dolore scompariva totalmente. Giornata di ieri nessun dolore solo lieve indolenzimento lato destro anche nel camminare o scendere scale, qualche scarica di diarrea e nell'ualtro. Ho solo notato una frequente minzione non dolorosa nè difficoltosa ma l'ho attribuita anche al fatto di aver bevuto acqua un pò in più e del thè. Oggi solo due scariche di diarrea, persiste dolenzia zona fianco destro . Il medico amico riferisce secondo lui essere intossicazione alimentare o colica intestinale. Non colica renale, io ho qualche dubbio in merito a dire il vero. Faccio presente che ho proprio a destra doppia pelvi renale. Cosa ne pensate e se eventualmente devo eseguire esami nell'immediatezza. Grazie.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La diarrea certamente non è un segno di accompagnamento tipico della colica renale e rimanda immediatamente ad altre ipotesi diagnostiche. Con ciò, nulla toglie che vi possano essere due situazioni casualmente coincidenti. Diremmo che sussistano già le indicazioni per chiarire tutto ciò con una ecografia dell'addome. Cruciale è anche l'evoluzione possibile nei prossimi giorni, che potrebbe rafforzare l'una o l'altra ipotesi.