paura  
 
Utente 181XXX
buongiorno
due anni fa ho scoperto di avere numerosi calcoli alla cistifellea. Non mi hanno dato problemi per mesi, poi all'improvviso ho iniziato ad avere malessere, dolori di pancia (ma non vere coliche), digestione complicata etc.
Ho fatto un'ecografia e mi hanno detto che avevo una colecistite. Cura con antibiotici e consiglio di operarmi.
In questi mesi ho temporeggiato, ma non sto benissimo.
Pero' se da un lato capisco che non posso piu' posticipare l'intervento, dall'altro leggo di persone che non si sono mai riprese completamente, di altre che hanno eliminato i calcoli con tisane, erbe, terapia del digiuno e varie,. E io sono qui, impaurita, incerta. Il chirurgo mi ha detto che tanto una colecisti che non funziona piu' bene, fa solo danni.
A chi devo dar ascolto?
un altra domanda: ho la sindrome di Widal: cioe' poca asma, polipi nasali (al momento n0 perche asportati col laser) e allergia all'aspirina. Vi chiedo: durante l'intevvento l'asma puo' essere una complicazione? la mia e' molto lieve, solo catarro e raro uso dell'inalatore.
Grazie|!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentilissima Signora, la presenza di calcoli alla cistifellea non richiede un intervento chirurgico quando non ci sono sintomi e la cistifellea funziona. quando invece si manifestano episodi di colecistite bisogna per forza di cose farsela asportare. Tenga presente che l'intervento che oggi si pratica per via laparoscopica e richiede due, tre giorni di ricovero, le porterà via i dolori alla pancia, ma non le difficoltà digestive. quindi non è detto che dopo l'intervento digerisca meglio. Il rischio di colecistite è però serio perchè l'infezione si può complicare e determinare anche il passaggio di calcoli nella via biliare con la possibilità che si diventi gialli (ittero) con febbre e riscio di infiammazione anche al pancreas (pancreatite). quindi se ci sono stati episodi di colecistite conviene che segua il consiglio del suo chirurgo e si faccia operare visto che adesso non ha infezioni in atto. cordialmente
[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio Professore. Mi creda, ha davvero calmato i miei dubbi. Mi "rassegno" all'intervento . Anche perche', per riassumere il mio caso ho omesso che in realta' sono due volte che uso gli antibiotici nel giro di pochi mesi a causa della colecistite. E anche quando sto bene, il peso sotto il fegato c'e' sempre.
Per l'asma puo' dirmi niente?
Grazie mille di nuovo
Saluti
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
gentile Signora sono convinto che fa bene ad operarsi. per la sindrome di Vidal, non si faccia problemi. se informa i medici della situazione eviteranno i salicilati da ogni medicazione.
cordialmente