Utente 875XXX
Salve, mio marito e` un soldato militare e in questo momento e` in servizio in Afghanistan. E` partito in Gennaio 2008 e il mese scorso e` stato diagnosticato con pressione alta 150/93 e recentemente con un soffio al cuore. Non avendo abbastanza buoni medici, non sono mai in grado di dargli una risposta definitiva, ma la risposta piu` comune e` che il suo problema sia causato dallo stress. Volevo specificare inoltre che lui ha solo 21 anni. Le mie domande sono: puo essere possibile che lo stress causi pressione alta e soffio al cuore? Che esami mi consiglia di richiedere al suo medico una volta il suo ritorno? E` una cosa che puo` peggiorare radicalmente da un giorno all'altro? E come ultima domanda aspettare fino a Marzo 2009 e` troppo tempo per procedere con le accertazioni che dovra` fare?
Grazie mille per la sua attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, mi sembra (data la distanza)giustamente ma forse eccessivamente preoccupata. Le spiego il perchè: affinchè un soggetto venga ritenuto iperteso, sono necessarie più misurazioni in ore e giorni differenti, in ambienti tranquilli (e non certo in un ambiente particolarmente teso come quello vissuto da suo marito)e da ambedue le braccia. Il cosiddetto soffio al cuore, può essere sì sintomo di valvulopatia, ma può essere anche un reperto occasionale e benevolo.
Comunque per vostra tranquillità, al ritorno sarà utile praticare una visita cardiologica associandola ad un ECG ed ecocardiogramma.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 875XXX

Iscritto dal 2008
Si e stata misurata piu di una volta, e precisamente ogni mattina, ma e` sempre 150/93, 147/90, 160/95 etc. Ho letto inoltre che ci sono due tipi di soffio al cuore, quello benigno e quello maligno. Volevo solo una rassicurazione da chi ne capisce meglio. Grazie mille!
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Visto che le alterazioni dei valori pressori risultano essere costanti (comunque lievemente alti) si rende purtroppo d'obbligo fare, al ritorno, gli esami che le ho citato. Anche per quanto riguarda il cosiddetto "soffio" solo un ecocardiogramma può derimere ogni dubbio sulla sua natura.
Cordialmente
[#4] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Immagino che prima di inviare un soldato in missione, lo stesso venga sottoposto ad esami clinici che accertino il suo stato di buona salute. Le strutture sanitarie militari sono perfettamente in grado di far eseguire approfondimenti diagnostici qualora ci fossero dubbi sui reperti clinici (in questo caso, il soffio). Si affidi quindi serenamente ai colleghi cardiologi dell'Esercito.
cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 875XXX

Iscritto dal 2008
Grazie mille Dr. Vincenzo MARTINO.
[#6] dopo  
Utente 875XXX

Iscritto dal 2008
Si era stato sottoposto a tutti gli esami clinici prima di partire, ed i suoi esami erano stati mandati in Germania, perche` lui e` un soldato dell'esercito americano. Pero` tutto questo e accuduto nell'arco di quest' ultimo mese e mezzo. Il problema purtroppo e` che la base dove si trova lui non e molto equipaggiata e il massimo che possono fare e` misurare la pressione ogni mattina, inoltre gli hanno prescritto dei medicinali per la pressione.