causa  
 
Utente 174XXX
gentili dottori, Vi scrivo pechè sono stato operato da poco e nella cartella clinica si evidenziava quanto segue "... ecg R.S. 83/min lenta progressione di R sulle precordiali destre...".
Premetto che sono diventato un pò ansioso e tachicardico da circa un anno e mezzo (nuovo lavoro stressante, ritorno a casa dai genitori) e in famiglia lo siamo un pò tutti (familiari affetti per anni da crisi di panico). Il mio medico di base ha sempre detto che tutto dipendeva da una questione psicologica.
Spesso mi sono trovato (soprattutto nei cambi di stagione) ad affrontare vere e proprie crisi tachicardiche e di calore che passavano dopo qualche minuto all'aria aperta...
Premetto inoltre che mia madre a breve subirà un'ablazione cardiaca per una fibrillazione e che ogni tanto mi controllo i battiti che trovo quasi sempre al di sopra degli 80.
Ero uno sportivo ma a causa di una tendinite sono fermo da 6 mesi. pressione arteriosa durante i giorni di degenza quasi sempre 120-70, discendenza di ipertesi. Alterno periodi in cui il caffè non mi fa praticamente alcun effetto (come mi sentivo fino ad un paio d'anni fa: senza nessun problema al mondo) a periodi in cui sono in costante affanno.
La mia domanda è: la questione delle R può essere correlata ad i miei attacchi di panico? Può essere precursore di una fibrillazione? Quanto è importante come patologia? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No guardi la causa più' frequente della ridotta progressione dell R e' l'errata posizioner degli elettrodi .
Se vuole, coni tutta calma, ripeta l ECG
Arrivederci

cecchini