Utente 418XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 34 anni, circa un mese ho avuto delle forti vertigini, non sapendo cosa fare mi ci sono agitato perché non mi passano e per la prima volta ho avuto un attacco di ansia/panico, sentivo il battito cardiaco accelerato e come se volesse uscirmi dal petto, impaurito ho chiamato il 118 visto che era l'una di notte, giunti sul posto mi hanno misurato la pressione (160/100) e i battiti (100 al minuto) confermando il mio stato di agitazione, per prassi mi hanno portato al pronto soccorso ed effettuato un elettrocardiogramma e le analisi del sangue, tutti e due gli esami sono risultati negativi, avevo solo il potassio (o magnesio non mi ricordo) molto basso infatti mi hanno dato un cura di una settimana con polase e adesso i valori sono tornati normali, adesso mi capita spesso di sentire delle fitte in varie parti del torace in particolar modo al pettorale sinistro in alto verso l'esterno del torace, ma credo che siano dovute al mio lavoro, dato che mi occupo di rifornire la merce in un supermercato (ortofrutta,scatolame e frigo dei latticini),faccio notare che queste fitte le avevo anche prima del fattaccio ma non ci davo peso, inoltre nei giorni successivi all'attacco di ansia avevo la sensazione di avere il fiato corto, cosa che è andata a scemare anche se ancora ogni tanto mi viene,posso stare tranquillo o devo fare degli accertamenti? La seconda domanda invece è una mia curiosità vista l'ignoranza in materia, sempre successivamente al fattaccio mi è capitato un paio di volte di svegliarmi la notte e sentire il battito dal petto più inteso e leggermente accelerato però dal polso era normale (66 batti al minuto) è normale?
La pressione comunque dopo quella notte è tornata normale,intorno ai 110/70.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Tutto cio' che lei descrive e' legato all'ansia, sia le "fitte"b (che per definizione non sono di origine cardiaca" che il modesto aumento della frequenza in pronto soccorso.
Il fatto che lei si svegli avvertendo palpitazioni e che la sua frequenza risulti 66 bpm ne e' la conferma.

Forse il suo medico puo' aiuitarla valutando la opportunita' di una terapia ansiolitica

Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 418XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille, comunque adesso sono tranquillo, le prime settimane ero impaurito perché non mi era capitato mai ed ho scritto qui per sentire un altro parere, grazie mille ancora