Utente 871XXX
cari dottori,
un anno fa dopo una masturbazione ,mi spuntò un ematoma nell'asta del pene di circa 3 cm di diametro; dopo circa 4 mesi andai da un andrologo che mi disse che non dovevo preoccuparmi e che l'ematoma era pigmentato e ci voleva del tempo, minimo 8 mesi , per l'ematoma poter scomparire. E' passato un anno ed ancora l'ematoma di color marrone persiste , con l'erezione si schiarisce un po'.
Vorrei sapere se c'è un modo per poter far scomparire l'ematoma poichè mi causa un notevole imbarazzo . grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
per darle una risposta seeria bisognerebbe visitarla.
probabilmente l'ematoma si è stabilizzato e , probabilmente, per toglierlo la strada è chirurgica.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 871XXX

Iscritto dal 2008
salve ,
la ringrazio per avermi risposto, l'ematoma oltre a essersi stabilizzato , non è schiarito del tutto , l'andrologo che mi visitò mi disse che si poteva tranquillamente escludere un danno ai tessuti sottostanti.
vorrei sapere in che cosa consisterebbe l'intervento chirurgicico, grazie
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

se la "macchia" cutanea le arreca disagio o le crea problemi "estetici" l'unica soluzione potrebbe essere la asportazione in anestesia locale della cute interessata dalla pigmentazione
Intervento estremamente semplice ma "ne vale la pena??"
cari saluti
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

Ritengo fondamentale per la sua salute e sicurezza che lei si determini con un dermatologo venereologo (specialista elettivo per questo problema), per far valutare in prima istanza quello che lei descrive come "ematoma stabilizzato"

A mio avviso e secondo l'esperienza personale che ritengo ampiamente condivisibile, quello che sembra agli occhi del paziente, spesso non lo è agli occhi del medico specialista:

provveda quindi con la visita magari corredata di Epiluminescenza (tecnica di imaging cutaneo, semplice indolore, rapida e sicura) per valutare questa macchia a carico del suo organo genitale: poi si potrà ragionevolmente affrontare il resto.

cari saluti