Utente 190XXX
Buon giorno, mi sono operato nel 1993 per varicociele sinistro di quarto grado , in una clinica convenzionata. L'operazione non portò alcun beneficio. Probabilmente c'erano anche le condizioni per fare una denuncia perchè, a parere di altri andrologi, il chirurgo mi fece il taglio troppo in alto rispetto al punto dove si opera il varicociele. . Comunque tralasciando questo episodio dopo anni di sofferenza e fastidio , mi rioperai nel 2008 , questa volta in un grande ospedale da un chirurgo competente. Il testicolo era davvero molto gonfio , una sensazione di pesantezza incredibile, non potevo correre , non potevo fare sport. L'operazione andò a buon fine e la sensazione di pesantezza sparì col passare del tempo. Due anni fa ho sentito la stessa sensazione di pesantezza ho avuto paura che il varicociele si fosse riformato. Dopo ecg e visita è stata esclusa una recidiva , mi è stata consigliata una visita ortopedica , probabilmente era un problema infiammatorio alla gamba sinistra dovuto ad uno sforzo. Dopo circa un mese infatti il senso di pesantezza è sparito . per tornare proprio in questi giorni. Probabilmente quando cammino molto e mi stanco c'è un nervo o un muscolo che ricrea la stessa sensazione di pesantezza del varicociele. Questa è la prima questione. Non ho una domanda specifica.

La seconda questione è : Prima dell'operazione il mio testicolo era più allungato rispetto all'altro di almeno 2 dita, sopratutto dopo una camminata. A distanza di 8 anni dall'operazione quando cammino e fa caldo noto che il testicolo è sempre più grosso rispetto all'altro. Quel grumo di venuzze presente nel testicolo prima dell'operazione, è ancora lì , non è sparito o riassorbito come pensavo accadesse. Se la temperatura è fredda , la differenza è così evidente , se è calda, quando mi guardo allo specchio, mi sembra di essere tornato ai vecchi tempi.
Di quanto solitamente si riduce il rigonfiamento dopo l'operazione ? calcolando che avevo un quarto grado. A me sembra ridotta del 25-30% non di più. E' normale?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

soprattutto in presenza di un varicocele importante, come il suo, l'intervento chirurgico elimina il reflusso venoso e quindi il sangue non dovrebbe più ritornare indietro e"ristagnare" a livello della borsa scrotale (come sembra essere dimostrato dall'ecocolordoppler che lei menziona), ma i gavoccioli venosi, che caratterizzano il varicocele, non vengono rimossi e possono essere ancora avvertiti se lei ha "molto camminato o è stato molto in piedi".

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Gentile Dott. Giovanni Beretta grazie per la veloce risposta. Prima dell'operazione in presenza di acqua o aria fredda i testicoli si rattrappivano e la differenza tra un testicolo e l'altro non era molto evidente. Mentre a normali temperature e sopratutto dopo una camminata c'era un'enorme differenza, oltre ad un perenne sensazione di pesantezza. In questi giorni provo la stessa pesantezza , forse dovuta ad un problema alla gamba, mi sto guardando allo specchio e sollevando il pene noto che il testicolo sinistro è molto più allungato (grosso) dell'altro. Questo è dovuto da quella "sacca aggiuntiva" fatta di vene che prima erano cariche di sangue e adesso ( dopo l'operazione) non dovrebbero esserlo più. Se gentilmente potesse rispondere a 3 domande :

1) E' normale che il testicolo sia grande più o meno come prima dell'operazione?

2) Dopo l'operazione non dovrebbe ridursi ?


3)Io ho 43 anni , In caso di recidiva mi riopererebbero?


Grazie

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

a questo punto potrebbe essere utile una rivalutazione clinica urologica in diretta.

Alla sua età, se non ha più desideri di tipo riproduttivo e se il disturbi lamentati sono tollerabili, generalmente non vi è un'indicazione chirurgica stretta.

Nell'attesa di essere rivisto dal suo urologo di fiducia comunque, se desidera avere informazioni più dettagliate su questo particolare ma complesso tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo da me pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/388-varicocele-fare-problemi.html

Un cordiale saluto.