Utente 419XXX
buongiorno,
lo scorso 4 luglio ho subito un infortunio giocando a pallavolo al mignolo della mano sinistra.
L'ecografia e la radiografia non avevano mostrato particolari traumi, oggi, a distanza di un mese, dalla risonanza magnetica è emersa una lesione distrattiva subtotale del tendine estensore del V dito della mano sinistra.
Dal 4 luglio ad oggi mi hanno fatto fare diversi trattamenti: 5 sedute di tekar, poi ho tenuto il dito steccato per 10 giorni con nessun risultato se non la formazione di un ematoma.
Mi chiedo a questo punto cosa mi convenga fare per risolvere definitivamente il problema, sono stati fatti una serie di errori nella mia diagnosi,
si può ancora rimediare?

Grazie
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non mi ha detto la cosa più importante: attualmente quali sono i sintomi?

C'è una deformità del dito? (ad esempio flessione).

Se si, riguarda la falange ungueale?

Buon pomeriggio.
[#2] dopo  
Utente 419XXX

Iscritto dal 2016
Ha ragione, mi scusi. Attualmente il dito è un po' gonfio, dopo averlo tenuto steccato.
Si tratta della falange ungueale ed il dito è attualmente flesso, non riesco assolutamente a tenderlo disteso.
Come posso agire?
Attendo una sua risposta.
Gran parte degli specialisti in questo periodo sono in ferie e non vorrei perdere ulteriore tempo.

Grazie mille.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Quindi si tratta di un "dito a martello", cioè una lesione completa del tendine estensore alla sua inserzione distale.

La falange ungueale deve essere immobilizzata in estensione (meglio una lieve iperestensione) per 7 settimane, senza mai rimuovere la stecca durante questo periodo.

Quasi sempre, tali lesioni guariscono bene, se si rispettano le regole.