Utente 877XXX
Egregi Dottori scrivo per un chiarimento,sperando di essere chiara,ma concisa così da non portarvi via troppo tempo.sono una ragazza di 22 anni;il 3 settembre 2008 mia madre è stata ricoverata per uno scompenso ascitico compatibile con severa malnutrizione(dopo la morte di mio padre,causata da un mesotelioma ,la mia mamma è caduta in un tremendo stato depressivo).In modo del tutto casuale e imprevisto durante l'iter ospedaliero le è stata riscontrata una massa solida a morfologia policiclica ,di circa 1,5 cm,in corrispondenza del segmento apicale del lobo superiore sinistro(sospetta natura neoplastica).Ci è stato detto che,poichè tale lesione è molto periferica ,qualora si trattasse di tumore sarebbe facilmente operabile in quanto non andrebbe a creare alcun disturbo agli organi adiacenti.(mi scuso per il linguaggio,ma sono assolutamente profana in campo medico).La broncoscopia,data la posizione del nodulo ,è stata sconsigliata e siamo state indirizzate presso l'ospedale san raffaele per eseguire una pet/tc total body ,della quale riporto la conclusione:
lo studio pet evidenza reperto con caratteristiche di malattia in sede polmonare sinistra,reperto addominale nella sede descritta (sede addominale mediana e paramediana destra in corrispondenza del duodeno e del digiuno)di verosimile significato flogistico ma comunque meritevole di controllo.
Significato flogistico potrebbe significare infiammazione?(mia madre prende diversi medicinali,ad esempio..considerando anche il fatto che al momento di eseguire la pet in casa abbiamo avuto tutti influenza)
preciso inoltre che la pet di cui ho riportato la conclusione(del 24/10/2008) documenta accumulo del tracciante in corrispondenza della lesione descritta nella tc del 12/09/08..possiamo dedurre che il nodulo non sia cresciuto?non vi è alcun riferimento al riguardo...
Mia madre,ad ogni modo,non presenta alcun sintomo..dai recenti controlli(3 ottobre) è emerso che la sua emoglobina è a 12,3(al momento del ricovero era a 5!!,sempre per via della malnutrizione e della mancanza di vitamina b12).Non tossisce,non vomita..non ha più versamento ascitico e piano piano si sta riprendendo anche dal punto di vista psicologico(anche se al riguardo ci affideremo ad un dottore competente per scongiurare altre ricadute).
ricapitolando il tutto..ora vorrei far eseguire a mia madre una biopsia al polmone(credo tramite agoaspirato,data la probabilità che in questo caso una broncospia darebbe facilmente falsi negativi)..dopodichè,qualora venga accertata con estrema certezza la natura della lesione polmonare e l'eventuale tipo istologico,la mia mamma potrebbe essere candidata ad un'operazione?cioè dal referto mi pare di capire che non ci siano altre lesioni rilevanti (metastasi).i linfonodi,che spesso sono sede di metastasi,non sono nemmeno menzionati...Mi scuso se non sono stata sufficientemente chiara e Vi ringrazio anticipatamente di cuore



NOI COMBATTEREMO,SE C'è DA COMBATTERE!LA BESTIACCIA MI HA PORTATO VIA IL PAPà..LA MIA MAMMA SE LA SCORDA!
[#1] dopo  
Dr. Gian Luca Natali
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
se la Sua Mamma è in condizioni tali da poter essere sottoposta ad un intervento chirurgico Le consiglio di non perdere tempo e procedere sia alla biopsia percutanea sotto guida TC sia alla inevitabile broncoscopia che non serve solo per eseguire biopsie, ma è anche fondamentale al chirurgo per vedere il bronco sul quale farà la sutura e la sezione al momento dell'intervento.
A circa 40 Km dalla sua città c'è un centro di chirurgia toracica di rilievo nazionale nel quale ho avuto l'onore di lavorare anni fa.
Si rivolga con fiducia ai chirurghi che vi operano ponendo tutti i suoi dubbi. Sono professionisti altamente competenti e disponibili.

Auguri
[#2] dopo  
Utente 877XXX

Iscritto dal 2008
Egregio dott Natali,la ringrazio di cuore per la risposta..dunque..io sono di sondrio..si riferisce all'ospedale di Sondalo?Perchè ho proprio preso contatto con il primario di chirurgia toracica:il dott Robustellini.Proprio lui ci ha consigliato la pet.proprio lui diagnosticò al primo colpo(e mi creda che fu il primo ed il solo)il mesotelioma di mio padre.
Domani lo chiamerò personalmente per riferire il referto pet,ad ogni modo lui disse che per il resto i polmoni erano belli e visto che non sono emerse sorprese ulteriori ci affideremo a lui con estrema fiducia.
Di nuovo grazie Dottore.Appena avrò notizie ulteriori scriverò,nel frattempo ogni parere, suo e di coloro che risponderanno,sarà fonte di gioia per una profana come me .Incrocio le dita e questa volta io mi sento di dire che ce la faremo..me lo sento dentro..
[#3] dopo  
Dr. Gian Luca Natali
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
è in ottime mani, i miei migliori auguri di una pronta risoluzione del Suo problema.
Ci scriva.

[#4] dopo  
Utente 877XXX

Iscritto dal 2008
Di nuovo grazie,Dott.Natali.
Martedì abbiamo un appuntamento con il dott Robustellini ,il quale ci spiegherà l'iter in base alla documentazione che porteremo.Ad ogni modo il mio medico curante e la dott.ssa che segue la mia mamma per l'anemia hanno guardato il referto pet e hanno detto che dobbiamo agire velocemente ,ma di stare tranquille perchè tutto sommato la situazione è rosea ,in quanto controllabile.Le farò sapere cosà dirà il dottore.
Grazie ancora,ogni suo suggerimento è sempre gradito.
Cordialità
[#5] dopo  
Utente 877XXX

Iscritto dal 2008
Caro Dr Natali,come le avevo accennato ieri siamo state dal Dr Robustellini.L'iter descrittoci è il seguente:mia madre eseguirà una toracoscopia e se la formazione dovesse risultare di natura neoplastica il dottore la toglierà prima di farla uscire dalla sala operatoria(credo analizzerà i vetrini sul momento).egli dice che dobbiamo assolutamente stare serene perchè anche se fosse un tumore,con una simile stadiazione favorevole,ci sono 1000 modi per curarlo.Ovviamente(dico ovviamente perchè avendo già avuto a che fare con una simile patologia sono una profana informata)ci ha spiegato che non è sicura la guarigione(in base al tipo istologico..ripeto:sempre qualora fosse..un po' di ottimismo certo non guasta,ma non voglio illudermi più di tanto),ma dice che le probabilità di lunghe sopravvivenze sono ottime.
sono molto più serena,diciamo che ho superato l'ignorante e profana convinzione che la parola "tumore"sia un sinonimo di "morte certa e immediata"(convinzione che si era in me radicata da tempo avendo visto con i miei occhi cosa significhi stare bene oggi e non esserci più domani).
Potrei parlare per 1000 post dell'arroganza di molti medici che ,aimè,ho conosciuto..ma per qualche secondo vorrei spendere due parole per il dr robustellini(che si è rivelato di un'umanità disarmante,la sua professionalità emerge subito a prima vista)e per i dottori come Lei.Sappiate che per noi siete come splendide oasi in cui approdare in momenti di tempesta,per un consiglio o per un conforto.grazie a tutti voi,che con una riga o con 1000 post,ci permettete di comprendere molte cose.la settimana prossima,o quella dopo,mia madre sarà ricoverata.Le farò sapere,Dr Natali,sperando di non disturbarla.
carissimi saluti
[#6] dopo  
Dr. Gian Luca Natali
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
nessun disturbo.
Avrò piacere di ricevere buone notizie di Sua madre dopo l'intervento.
I dati più importanti dal punto di vista della prognosi sono (in caso di neoplasia): il tipo istologico, il grado di differenziazione indicato con (G), il pTNM che indica lo stadio.
Queste informazioni sono contenute nell'esame istologico definitivo.
Nel caso si tratti di un nodulo infiammatorio il problema sarà risolto con l'intervento diagnostico in toracoscopia.

Auguri ed i miei più affettuosi saluti al
Dr. Robustellini.
[#7] dopo  
Utente 877XXX

Iscritto dal 2008
carissimo dr Natali..ebbene ci siamo:domani è il giorno del ricovero.Ci tenevo a dirglielo...La prima cosa che farò domattina sarà portare i suoi saluti al dr Robustellini!
grazie mille per la risposta,come sempre Lei è tanto gentile.
per quanto riguarda la stadiazione...con la pet sono state escluse altre cellule ad elevato metabolismo di glucosio..il tipo istologico potrebbe riservarci brutte sorprese??cioè il dr Robustellini dice che come stadio è uno stadio iniziale..poi non saprebbe dirmi prima dell'intervento se sia 1a o 1b...ma...dall'esame al vetrino potremmo anche scoprire che non è uno stadio 1?
mi perdoni per tutte queste domande...non so nemmeno se potrò leggere la Sua risposta perchè da domani sarò domiciliata in un albergo vicino all'ospedale e,salvo che ci siano degli internet point nelle vicinanze(ma in valtellina hanno da poco scoperto il pc,indi dubito eheh),credo non riuscirò a farle sapere nulla prima delle dimissioni.Ad ogni modo spero che qualche mio amico riesca quantomeno a leggere su questo sito la Sua risposta,così nel caso dovesse pervenire prima dell'intervento sarò più serena!anche se a dire il vero diciamo che ,poichè in caso di tumore,il dottore interviene prima di farla uscire dalla sala operatoria mi rassicura il fatto che io non saprò nulla fino ad operazione conclusa.
grazie ancora dottore,di cuore
[#8] dopo  
Utente 877XXX

Iscritto dal 2008
carissimo dott.Natali.per prima cosa le riporto i saluti del dr Robustellini.A mia madre è stata effettuata una lobectomia del lobo superiore sinistro.dall'esame istologico il nodulo è risultato essere un adenocarcinoma stadio 1,g2(mi pare).i linfonodi sono tutti negativi ..praticamente erano interessati solamente 2,5 cm.mi pare che abbian detto che non vi erano radici e dato lo stadio iniziale non ritengono siano necessarie ulteriori terapie .ad ogni modo ci hanno consigliato di andare da un oncologo per un'ulteriore valutazione,ma il dr Robustellini ha detto di fare ciò "per correttezza".quindi andremo!sperando vada tutto bene.l'intervento è andato benissimo,la mamma è stata in post-operatorio meno di 24 ore.si è ripresa egregiamente,ha messo su un chilo ed è scomparso uno strano fastidio che da anni aveva alle gambe dapprima ricondotto ad una nevrite carenziale oggi ricollegato ad una sindrome paraneoplastica(prima quasi non camminava,da quando ha subito l'intervento sembra un treno).AVEVA RAGIONE,ERAVAMO IN OTTIME MANI.la terrò aggiornato caro Dottore!tantissimi saluti
[#9] dopo  
Dr. Gian Luca Natali
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
sono contento dell'esito positivo della vicenda.
Non cambierei una sola virgola di quanto Le è stato detto.
Tanti auguri.