Utente 877XXX
Sono un ragazzo di 23 anni, ho un dubbio oltre ad avere un problema spero tanto che potete aiutarmi a capire.
Mercoledi di due settimane fa mi sale la febbre alle 19 di sera , inizio ad avvertire i classici sintomi , dolori ( in particolare alla schiena e basso ventre ), stanchezza , e brividi . Alle 21 avevo gia 38 , sicche penso di aver preso l'influenza ,ma la cosa strana è che non ho mal di gola , ne raffreddori.
La febbre il giorno dopo sale fino a 40 , ma la cosa che piu mi colpisce è il dolore che provavo quando urinavo , le mie urine non erano piu di colore giallo ma trasparenti come l'acqua inoltre iniziai ad urinare molto piu spesso del normale.
Questa situazione si è protratta fino alla domenica , aspirine e tachipirine non abbassavano la febbre.
Da domenica la febbre scende e dal Martedi ho ricominciato a stare bene.
Il problema si ripresenta ora con un leggero fastidio a volte dopo aver urinato , e cosa ancora piu importante è una strana sensazione mentre sto per eiaculare.
Premetto che il rapporto è perfetto senza alcun problema ne di piacere ne di eiaculazione precoce,nessun dolore...avverto solo come una strana sensazione come di un peso,un blocco mentre eiaculo.
Lo sperma non ha alcun colore differente da prima , non è troppo liquido e non ha sangue,forse è diminuito di quantità,ma proprio perche mi sembra di non avere un orgasmo completo a causa di quel peso.

Ora mi devo preoccupare che non mi sono accorto prima che potesse essere prostatite?...secondo voi devo intervenire in qualche modo?

Grazie di cuore

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,come primo passo mi farei consigliare dal Suo medico di famiglia un esperto andrologo che sappia inquadrare il problema a 360 gradi ponendo una rigorosa diagnosi,avvalendosi di indagini biochimiche e strumentali.Ricordo che l'apparato e' uro-genitale,che la prostata partecipa al 40% alla produzione del liquido seminale,per cui sarebbe una buona occasione per valutare il potenziale di fertilita' espresso dallo spermiogramma oltre che gli aspetti batteriologici e/o virologici.Cordialita;.