Utente 411XXX
Gentili dottori,

ho 22 anni, sono stato operato per l'asportazione di una cisti pilonidale fistolizzata all'incirca 6 anni fa, con chiusura per seconda intenzione. Durante questi anni ho avuto dei momenti di infiammazione della cicatrice che mi hanno provocato dolore e si sono sempre risolti in poco tempo. Da qualche giorno (circa 3 giorni), avverto nella parte superiore della cicatrice, (quasi anche al di sopra di essa), una parte più dura, leggermente gonfiata e dolorante al tatto. Fino a qui poteva configurarsi come una normale infiammazione che avevo già avuto sporadicamente negli anni se non fosse che ieri ho avuto anche una minima fuoriuscita di sangue da un piccolo "buchetto", che ho da molto tempo nella parte alta della cicatrice, che in un controllo chirurgico qualche mese fa il chirurgo che mi ha operato ha definito come un poro allargato, probabilmente morto, cioè non una fistola che poteva far pensare a un ritorno della ciste (mi ero infatti rivolto a lui per quello); il chirurgo infatti non aveva notato alcun segno di infiammazione. Sono andato a farmi vedere dal medico di base che non avendo notato particolari segni di fistolizzazione ha detto che l'infiammazione potrebbe essere dovuta a un recente lungo viaggio in macchina effettuato circa 1 settimana fa. Il chirurgo che mi ha operato sarà in ferie fino al 30 di agosto quindi ho pensato di poter chiedere nel mentre un secondo parere. Purtroppo ho paura che sia effettivamente il ritorno della temuta ciste pilonidale (temuta dato che la guarigione per seconda intenzione era durata più di 3 dolorosi mesi) ma in ogni caso potrebbe essere secondo voi solo un'infiammazione collaterale? Non è strana una recidiva dopo 6 anni?

Grazie e cordiali saluti,


Enrico

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, da quello che riferisce il rischio di una recidiva è possibile, ma per averne conferma una visita chirurgica è necessaria.
Saluti
[#2] dopo  


dal 2016
La ringrazio, temevo una risposta simile.

Cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Non disperi comunque, perché anche nel caso di una recidiva la problematica è risolvibile.
Saluti