Utente 714XXX
Gentili Dottori circa 15 giorni fa verso le undici di sera mi sono svegliata con un forte dolore precordiale che si irradiava al collo e dietro la schiena.Giunta al pronto soccorso mi hanno praticato un ECG e gli enzimi cardiaci con esito negativo.Il dolore però era insistente e forte ed allora mi hanno praticato una fleboclisi con 1/3 di fl di Flectadol più una fiala di Ranidil.Dopo circa un,ora il dolore è scomparso.Ieri sera verso la stessa ora il dolore ricompare intenso e duraturo.Ho assunto una compressa di ranidil 150 e successivamente una bustina di Aulin.Dopo un paio d,ore il dolore è scomparso. Non so a chi rivolgermi o meglio quale specialista contattare. Premetto che circa tre mesi fa per un controllo ho fatto un torace,un ecg da sforzo che sono risultati negativi. L'unica cosa positiva è una visita otorino che mi ha fatto diagnosi da RGE. Non sono convinta del tipo di dolore, perchè è molto alta la zona dove lo avverto.Spero che qualcuno mi aiuti o per lo meno mi indirizzi.vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, penso che tutto il quadro sintomatologico da lei descritto risulterebbe più chiaro con una esofagogastroduodenoscopia, vista la negatività degli esami cardiologici da lei praticati.
Cordialmente,
[#2] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:

Gli accertamenti che lei ha eseguito quali ECG, enzimi (meglio se fosse stata eseguita una curvaenzimatica con un periodo di osservazione di almento 12 ore) e la prova da sforzo precedente, posso ragionevolmente escludere una cardiopatia ishemica. Dal punto di vista cardiologico pero' sarebbe bene, a mio giudizio, eseguire ancora un ecocardiogramma completo per escludere la presenza di altre patologie cardiologiche che potrebbero giustificare i suoi sintomi (valutando la presenza di eventuale dilatazione aortica, ma soprattutto la presenza di segni di pericardite)

A disposizione per ulteriori consulti
[#3] dopo  
Utente 714XXX

Iscritto dal 2008
Innanzitutto volevo ringraziare i Medici che mi hanno risposto e dire che sonoin attesa di una visita Gastroenterologica.Al Dott. Tidu volevo dire che nel 2003 ho fatto un ecocardiogramma con esito negativo.Volevo inoltre chiederle ma se fosse una pericardite,può il dolore manifestarsi a distanza di giorni? E il torace non avrebbe potuto rilevare qualche cosa? Inoltre mi chiedo,visto che ho una faringite cronica non potrebbe essere anche questo associato da una tracheite?
[#4] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:

Il fatto di aver eseguito un ecocardiogramma negativo nel 2003 non esclude la possibilità che il suo dolore al momento sia dovuto ad un fenomeno infiammatorio del pericardio, ossia del "sacchetto" che contiene il cuore.
Rimango dell'idea che possa per lei essere utile eseguire un ecocardiogramma.

Mi faccia sapere
[#5] dopo  
Utente 714XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la sua tempestiva risposta.Comunque volevo dirle che stanotte sono finita dinuovo al pronto soccorso perchè il dolore è ricomparso forte e intermittente ed è durato circa due ore.Come al solito pur avendo riferito di aver avuto altri episodi mi fanno sempre gli stessi controlli:ecg ed enzimi.Domani mi attiverò per fare un ecocardiogramma.Mi chiedo,ma in una pericardite il dolore può presentarsi a distanza di giorni? E perchè sempre di notte o sera tardi? Grazie
[#6] dopo  
Utente 714XXX

Iscritto dal 2008
Gentili Dottori vi rispondo con un po di ritardo per dirvi che oggi dopo una lunga attesa ho eseguito una esofagogastroduodenoscopia che ha dato i seguenti risultati:l'esofago presenta a livello del terzo inferiore due piccole lesioni lineari di circa 4mm. Evidenza di piccola ernia iatale dda scivolamento.Il cardias è incontinente.Lo stomaco presenta mucosa antrale iperemica. Si eseguono biopsie nel corpo - fondo e antro per istologia e ricerca H.P. Il piloro è normale. Il bulbo ed il secondo duodeno sono normali.Inoltre ho eseguito anche un ecocardiogramma ed è negativo: Vi chiedo se i dolori forti che avvertivo allo stomaco sono giustificati dall'esito dell'esame endoscopico.Vi ringrazio anticipatamente
[#7] dopo  
Dr. Massimo Tidu
36% attività
12% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile utente:
Il quadro esofageo evidenziato dalla EGDScopia puo' giustificare i sintomi da lei lamentati nei mesi passati, giustificando anche la negatività degli accertamenti cardiologici finora eseguiti.
Occorre ora affidarsi ad un gastroenterologo (previo consulto con il suo medico di base) per le cure del caso.

A disposizione per ulteriori consulti