paura  
 
Utente 397XXX
Buonasera, sono circa 5 7 giorni che soffro di un dolore al petto, specie a sinistra. Il dolore è difficile da spiegare, fino a ieri era come se avessi una corda tirata all' interno, come una morsa e il dolore stesso era come se fosse anche collegato alla gola. Da questo pomeriggio il dolore sembra di tipo trafittivo e sento anche una pesantezza al braccio sinistro. La mia pressione è sempre sui 140/70, 85-90 battiti. Ho paura si tratti di qualcosa di grave. Io sono un fumatore e sono una persona piuttosto agitata ed ansiosa.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei fuma e poi ha paura di morire?
Non le sembra un controsenso?
Chi fuma deve mettere in conto oltre all'impinguamento delle casse dello Stato, cardiopatie, patologie polmonari benigne e maligne, cerebropatie vascolari e una ampia varietà di tumori.
Il suo dolore pare di natura muscolo tendinea ma è bene che programmi un ecocardiogramma e un test da sforzo al cicloergometro o al tapis roulant.
Sempre se sia motivato a smettere di fumare.
Diversamente è' tutto inutile!
Saluti .
Dott. Caldarola
[#2] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la risposta. Ha ragione è un controsenso, ma purtroppo non ci possiamo fare niente se siamo vittime del sistema, non so se ha capito, cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi chi fuma non e' "vittima del sistema": e' uno che del tutto legalmente sceglie di vivere meno e peggio.
Fumare alla sua eta' significa ipotecare molti anni della propria vita in termini di durata e qualita'.
Non e' solo la possibili9ta' di morire per morte improvvisa, infarto o cancro, ma anche di rimanere invalidi, con un ictus, per il resto della propria vita.
E' una scelta libera, quindi ognuno puo fare cio' che crede.
Smettiamola con i vittimismi senza senso

Smetta di fumare oggi stesso, dia retta.
Altro che doloretti.

Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Ma quale vittima del sistema?
Ma faccia la cortesia eviti di dire sciocchezze!
Fumare, bere alcool è una libera scelta di accorciarsi la vita e non c'è nessun sistema che la obbliga ad andare dal tabaccaio a comprare le sigarette.
Le assicuro che quando le venisse un infarto o un ictus il giorno stesso lei smetterà di fumare e manderà al diavolo il sistema di cui parla!
Intanto il danno sarà fatto. E si morderà le mani!
E lo stesso succederebbe quando nel fare un torace un radiologo con aria fintamente securizzante le dicesse "C'è un nodulo a margini spiculati: le consiglio di fare una TC del torace...."
Smetta di fumare oggi stesso che è ancora in tempo.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#5] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Si voglio smettere, avete ragione, io cerco solo di trovare delle scuse, però credetemi non è facile. Sicuramente sarà molto più semplice di quanto si pensi però aiutatemi, cosa devo fare per smettere. Mi continuo a ripetere, questa sigaretta mi sta uccidendo basta, la butto via. Dopo 1 ora è come se fossi ipnotizzato, ne accendo un' altra. Cazzo datemi dei consigli. Vi prego.
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi , e' inutile che dica parolacce.
Pensa di essere al bar?
Se ha dipendenza psicologica dal fumo deve recarsi danno specialista psichiatra.
ma le garantisco che la sua e' una dipendenza psicologica.
E certo non passa a scrivere parolacce.
La saluto

cecchini
[#7] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Innanzi tutto la parolaccia non è rivolta a voi ma in generale a tutto ciò che mi porta a fumare, comunque, non credo che solo per l' etá la dipendenza sia psicologica. Io mi sento drogato dal fumo di tabacco, ho una dipendenza concreta, fumo da 6 anni. Com' è possibile sia psicologica?
[#8] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Senta ci sono Pazienti che fumano 3 pacchetti di sigarette al giorno da decenni, di quelle pesanti, e se gli si fa notare che rischiano molto dicono che hanno fatto una scelta e che c'è gente che muore senza mai aver fumato.
Il giorno dopo aver avuto un infarto, per magia non fumano più.
La dipendenza fisica è minima dalla nicotina, che è un veleno, massima dal rituale di passare in tabaccheria, togliere la copertura di plastica al pacchetto, aprirlo, togliere la carta stagnola e vedere in fila tutte ordinate le sigarette, prenderne una e accenderla.
Nessuno in UTIC ha avuto crisi di astinenza dopo un infarto.
Se lei ha poi problemi psicologici che la portano a fumare, già dall'età di 16 anni, deve rivolgersi ad un consultorio dove troverà gente che l'aiuterà.
Sempre che voglia smettere e che sia motivato.
Noi il consiglio glielo abbiamo dato ma la vita e la salute sono sue e ne può disporre come crede.
Se sceglie di continuare a fumare metta in conto che i dolorini potrebbero un giorno diventare davvero dolori da ischemia.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#9] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Oggi, 26 agosto 2016, io getto l' ultima sigaretta della mia vita a terra, discorso chiuso.
[#10] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Se lo fa davvero è un vero uomo!! E io le dico BRAVO!
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#11] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Lo faccio, per davvero. Tra un po' di tempo se mi risentirà vorrà dire che non c'è l' ho fatta. Ma non ci sentiremo. Buona giornata a lei, saluti.
[#12] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Saluti a lei e ce la metta tutta!
Dott. Caldarola.