Utente 404XXX
Aggiornamenti.Eseguito studio elettrofisiologico:negativo per aritmie, nessun substrato aritmico.Il cardiologo mi ha fatto ripetere il test ergometrico, questa volta senza il betabloccante.Risultati: dati basali:fc 111 Pa 170/90 DP 18870 ecg ritmo sinusale, IVSx e sovraccarico VS.
Raggiunto il 97 % FCmax (177bpm) Pa 220/110 DP max 38940
Sottoslivellamento 1 mm orizzontale antero-laterale da sforzo.
Conclusione test:negativo per ischemia,per aritmia,positivo per risposta ipertensiva.Nel recupero continua con 140 bpm.
Porto gli esami al mio cardiologo che pone dei dubbi specialmente nel recupero (st sottoslivellato oltre il mm).Le domande sono come mai questa visione differente tra il cardiologo del test, e il mio cardiologo?Perchè si parla di sottoslivellamento di 1 mm quando nel tracciato del test visualizzo per esempio anche st/v5 -2.0?
Seconda domanda:può essere la sospensione del betabloccante (circa 36-48 ore) ad avermi sballato il test?
Infine come mai nell'ecg basale ho sempre questi segni di IVSX e sovraccarico,ma poi all'eco è tutto normale (pareti,volumi,cinetica....)?
Sono confuso e in attesa di una tac coronarica.
Grazie per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Innanzitutto non ci dice che sport pratica.
Se lei facesse uno sport isometrico come la pesistica, sciaguratamente dannoso per il cuore, è il minimo che abbia IVSn con aumento dei diametri camerali.
In quanto allo sforzo io non l'ho visto ma ogni medico ragiona con la propria testa e interpreta quello che vede secondo la sua esperienza.
Evidentemente alla visione del tracciato al secondo cardiologo saranno emersi dati ritenuti non rilevanti dal primo.
La sospensione del beta bloccante non può avere influenzato il test che è inutile fare senza preventivo wash out farmacologico.
Faccia la coronaro TC e poi ci faccia sapere se vuole.
Nel frattempo le consiglio di sospendere la palestra.
Saluti,
Dott Caldarola
[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Infatti pratico la palestra (pesi), ma negli eco sostenuti non c'è nulla di anomalo.Cmq è da qualche mese che non pratico nulla, ovvero da quando ho avuto il primo attacco di dispnea dopo uno sforzo intenso in palestra.La sospensione del betabloccante pensavo poesse aver influenzato la pa durante lo sforzo.
Grazie
[#3] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Inoltre oltre alla prova dubbia per ischemia la mia perplessitò rimane sul perchè negli ecg dibase anche vengono fuori delle anomalie (tipo IVSx, sovraccarico sinistro,ripolarizzazioni) che dovrebbero essere segnale di ingrossamento cardiaco ma che poi all'eco viene smentito.
Grazie
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Io le ribadisco che la pesisitica provoca modificazioni deleterie per il cuore.
Le fa un fisico scultoreo ma induce adattamenti specie del Vsn e del VDx che sono dannosi nel lungo termine.
Tenga presente che quando solleva il bilanciere la P.A. può raggiungere valori altissimi di sistolica. Inoltre è da sciagurati prescrivere, e assumere, per uno che fa pesi un beta bloccante: a parte che è considerato doping, le innalza il limite di tolleranza allo sforzo che diventa più alto di quello che il suo cuore sopporterebbe in sua assenza
Non mi meraviglierei che lei avesse sviluppato una riduzione della compliance diastolica del Vsn che si traduce nelle alterazioni che tanto la stizziscono al test da sforzo.
La opzione migliore è che lei faccia una RM cardiaca con contrasto, che ci darebbe molte più informazioni della coronaro TC anche sulla perfusione parenchimale, risentirebbe molto meno della mano dell'operatore e della finestra ecografica.
Inoltre l'iperplasia della Banda Moderatrice (o di Leonardo) va considerata con attenzione: la suddetta contiene una parte del sistema di conduzione affinchè lo stimolo possa essere rapidamente condotto ai muscoli papillari che mettono in tensione le corde tendinee immediatamente prima che il ventricolo si contragga: quindi non è vero che lei non ha segni ecografici di "affaticamento" cardiaco.
Guardi si senta con il suo cardiologo o aritmologo e riprenda il beta bloccante e soprattutto la finisca con la pesistica: lei sta giocando alla roulette russa con il suo cuore. Del resto è suo e giustamente ne fa quel che vuole.
Saluti,
Dott. Caldarola.