Utente 421XXX
Dottori a sentire questa autentica intervista delle Iene ad una ninfomane al minuto 6,23 il giornalista le chiede: "Cosa cerca in particolare?" Lei :"Superdotati." e il giornalista "Che intende dire?" Lei: "Per superdotati intendo dire dai 22 cm in su e bello largo (....) IO UNO CHE HA 13/14 CM NON ME NE FACCIO NULLA MA NON PER QUALCOSA MA PERCHE' ALLA FINE IO NON LO SENTO.". Questa affermazione pesante intanto smonta l'idea che bastano 8 cm per soddisfare qualunque donna perchè le donne sono quasi tutte clitoridee, fa oltretutto pensare che un ragazzo normale non potrebbe vivere una sessualità trasgressiva felice se le donne ipersessualizzate sono quasi tutte come questo esempio che le rappresenta bene. A seguire il video dell'intervista

http://www.iene.mediaset.it/puntate/2011/10/05/rosanova-ninfomane_6732.shtml

Attendo curioso i suoi commenti. Un saluto. Andrea.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,va da se che l'intervista in oggetto sia provocatoria e mirata a colpire il maggiore numero di maschi che,com'e noto,a qualsiasi età e con qualsiasi esperienza pregressa,avrebbero desiderato un pene più lungo e più largo...La realtà di milioni di coppie felici,in cui il partner maschile non é nevrotizzato dall'associare l'ansia da prestazione, derivata da una dismorfofobia (non accettazione di un pene normale e funzionante), ad una richiesta,assai meno diffusa di quanto si immagini,ridimensiona la realtà oggettiva del problema,relegandolo al livello di uno spot televisivo.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Provi a leggere attentamente questo canale salute, redatto dal dr. Izzo e me, senza nulla togliere alle Iene.

http://www.medicitalia.it/salute/andrologia/127-pene-piccolo-dimensione-dei-genitali.html

Le ricordo inoltre, che la risposta orgasmica femminile non è misura dei genitali correlata, ma dipende da un'infinità di altri fattori non quantizzabili con il metro.
[#3] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Non sono affatto dismorfofobico e ho un pene di 15 cm convenzionale nè male nè bene (certo non è qualcosa di cui esserne orgogliosi) però da qui a dire che l'intervista sia uno spot confezionato mi sembra troppo anche perchè si capisce bene l'autenticità della persona intervistata per quanto bipolare questa donna possa essere di suo, lei non sta provocando nessuno, parla dal profondo della sua parte animalesca. La mia constatazione è che se il piacere non è correlato alle misure mi spiegate perchè una donna trasgressiva ipersessualizzata che può rispecchiare un certo contesto ammette che un pene comune di 14 cm non lo avverte nemmeno e ha bisogno per forza di un pene maggiorato per viverre normalmente la sua vita sessuale? Questa affermazione si scontra in parte con le vostre tesi, questo lo devo dire.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...se non é soddisfatto delle nostre risposte,va da se che convenga scrivere a qualche giornale o settimanale femminile.Il forum medico ha delle regole rigide che,in alcun modo,possono essere personalizzate sulle opinioni soggettive degli Utenti.Cordialità.
[#5] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
E' che non mi sembrano risposte autentiche. Le Iene è uno dei pochi giornalismi che smaschera la verità non monta bugie o fabbrica spot, più di un intervista con una donna promiscua che sostiene di non sentire un pene medio che bisogna ascoltare per sollevare un dubbio o una questione? Capisco che dovete rendere conto a pazienti dismorfofobici e che è una brutta malattia ma si dovrebbe essere un po' più oggettivi, magari non tutte le donne promiscue sono così ma negare l'evidenza con assolutismi fa solo pensare a un protocollo d'intesa fra medici volto a censurare ansie maschili intorno ad una questione che resta ancora oggi un tabù ma a questo atteggiamento gli stessi dismorfofobici e simili con rispetto parlando per i medici non credono, lo so perchè da ex-dismorfofobico che ora ha accettato la realtà ne ho parlato.
Un cordiale saluto