Utente 383XXX
Salve.

Ho 21 anni e soffro di una leggera ipertensione arteriosa. Il problema è che non è uniforme: ci sono volte che è nella norma (o meglio, intorno a 130), volte che è leggermente superiore (145/150) e volte che tocca picchi assurdi (170). Anche con cambiamenti nell'arco di ore!
Ho effettuato un holter pressorico ed è stata riscontrata "Pressione lievemente sopra la media". Il fatto è che da un braccio all'altro cambia anche >20 (Stamani 125 a sx e 150 a dx) e so che ciò indica un rischio di possibili problemi che possono portare a infarto o ictus. La mia dottoressa si rifiuta sia di prescrivermi qualcosa sia di prescrivermi visita con specialista.

Voi cosa dite?
Io non voglio avere un maggior rischio di ictur o infarto solo perché la mia dottoressa si rifiuta di prenotarmi una visita o prescrivermi qualcosa.
Alla base del problema potrebbe esserci stress e ansia.

E una curiosità: prendere una pastiglia di atenolo due orette prima di misurare la pressione può abbassarla?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
In primo luogo una differenza di fino a 15 mmhg tra le due braccia, con dx>sn è del tutto normale, pressocchè costante, dipende da fattori anatomici e non espone a nessun rischio di ictus.
Ovviamente per fare un paragone attendibile tra le due braccia dovrebbe misurare la pressione contemporaneamente dato che come ha constatato è un parametro variabilissimo.
Lei effettivamente ha una pressione sopra la media della sua età: la sua pressione deve essere <120/70 mmhg e deve mantenersi stabile durante la giornata: spieghi alla sua dottoressa che se lei ha picchi di 170 mmhg significa che giornalmente qualunque evento stressogeno la porta a andare oltre i limiti di sicurezza.
Alla sua età, se non ha familiarità ipertensiva, va anche ricercata la possibile causa secondaria dell'ipertensione con esami appositi: da banali esami di sangue a esami mirati come il dosaggio dell' l'aldosterone e delle metanefrine urinarie e della funzionalità tiroidea, a esami come l'ecografia doppler dei reni e dei surreni o la TC. Tutto per gradi.
Inoltre è necessario programmare un Ecocardiogramma, una prova da sforzo al cicloergometro o al tapis roulant e un Holter ECG/24h.
Dopo e solo dopo è possibile decidere se e quale terapia antiipertensiva somministrare.
Se la Sua dottoressa è superficiale si faccia fare l'impegnativa per una visita cardiologica o per un centro universitario di ipertensivologia.
A che le serve prendere l'Atenololo due ore prima di misurare la pressione per abbassarla? Sarebbe una pratica scriteriata!
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Non mi vuole prescrivere neanche visita cardiologica. E' fissata che tutto sia ansia.

No è solo curiosità. Sapere se io prendo atenololo, provo la pressione dopo due ore. Se effettivamente si abbassa o se si deve eseguire una terapia più lunga.

ringrazio, allora a sto punto provvederò a visita privata. E' il cardiologo lo specialista della pressione giusto?
[#3] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Comunque credo sia un po' sballato lo sfigmomamometro. Perché di norma va da 135 a 145/50. Ma a volte la misuro a 170, la rimisuro secondi dopo ed è 145.
[#4] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
un ultima cosa. che valori aumentano il rischio di ictus? con valori di 150 c'è da preoccuparsi?
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Guardi non so chi sia sballato dei protagonisti di questa storia!
La Collega non vuole prescrivere una consulenza cardiologica, lei dice di aver fatto un ABPM con referto "pressione lievemente sopra la media" e vuole fare l'esperimento con l'Atenololo, il referto dell'ABPM e' monco perche' non parla del comportamento della pressione durante la notte....
Vada da un bravo cardiologo privato e si faccia visitare.
I suoi valori non la espongono a rischio immediato di ictus ma ansia o no se sono realmente fuori target per molte ore della giornata devono essere trattati.
Ci riaggiorniamo dopo la visita dal Cardiologo.
Buona giornata.
Dott. Caldarola.
[#6] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Mi rivolgerò a una visita privata allora, perché la mia dottoressa non voleva neanche farmi fare l'holter pressorico (Mi sono dovuto irrittare diverse volte prima che me lo sprescrivesse pur di non vedermi più).
[#7] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
Come mai se mi provo io la pressione è molto più alta di quando me la prova qualcunaltro?
premetto che non sbaglio, poiché so prendere perfettamente la pressione
[#8] dopo  
Utente 383XXX

Iscritto dal 2015
dopo un pasto o una camminata veloce è più alta?