aids  
 
Utente 421XXX
Buongiorno
Richiedo un consulto perche sono terribilmente in ansia da circa 2 settimane da quando ho avuto un rapporto non protetto con capito interrotto con un ragazzo che ho conosciuto al mare presentatori dai miei soliti amici del mare. È più grande di me, ha un figlio ed è separato. Quando l'abbiamo fatto è stato senza preservativo (l'abbiamo fatto più colte) ed io adesso ho moltissima paura dell'HIV perché non lo conosco bene e dopo mi ha raccontato che faceva lo spogliarellista per qualche anno quando aveva 18 anni e aveva rapporti occasionali ma col preservativo ( il figlio l'ha avuto a 21 anni). Ora ne ha 28 ma anche prima di farlo abbiamo parlato di malattie sessualemnte trasmissibili e lui mi ha detto che al lavoro gli fanno fare il test dell'HIV ogni 6 mesi e che è pulito! Ma io dopo qualche giorno ho guardato sul sito Lila e li c'era scritto che il test è vietato richiederlo ai dipendenti! Ho molta paura e il test non posso ancora farlo. Nel frattempo mi è venuta la diarrea dopo 7 giorni ( l'aveva anche mia madre) , adesso mi è passata e dopo 13-14 giorni ho mal di gola i linfonodi li sento al tatto sia alla gola e uno all'inguine, mal di testa e raffreddore e non so che pensare! Mio fratello si e' ammalato di mal di gola e febbre alta ma perché teneva alto il condizionatore in camera. E' possibile che mi abbia attaccato lui il mal di gola e la febbre anche se io il condizionatore in camera mia non lo tengo mai acceso? Perché adesso anche io mi sento la febbre ed ho mal di gola. Quali sono i sintomi dell'HIV ? So che sono linfonodi ingrossati febbre lieve ma spesso sono anche molto difficili da distinguere da una semplice influenza. Mi sento così stupida per quello che ho fatto!!!! Non mi è mai capitata una situazione simile e di provare tanta paura tutta insieme e per così tanto tempo! !!! Sarei molto grata di ricevere un consulto al più presto visto che non so proprio a chi rivolgermi!
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Tutta la sintomatologia che descrive non ha nessuna relazione con l'HIV.
Ai dipendenti, ai pazienti ecc è vietato fare un prelievo ed effettuare un test HIV di nascosto o comunque a loro insaputa.
Chiunque però, messo al corrente e previa firma di una liberatoria, può acconsentire ad essere testato.
Ma poi deve mostrare il referto che attesti la negatività e si ricordi del periodo finestra.
Lei ha avuto multipli rapporti a rischio vaginali: credo sia consigliabile eseguire il test HIV I - II combo a 30gg (attendibilità >95%) e quello di conferma a 90gg come da raccomandazioni dell'ISS e della WHO.
A novanta giorni è consigliata anche la sierologia per la Sifilide (VDRL - TPHA) che può essere testata già a 60 gg ma dovrebbe poi fare in totale 3 prelievi.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la tempestiva risposta. Allora appena possibile farò i test.
Che cosa è il periodo finestra?
Cordiali saluti


[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
E' il periodo necessario che intercorre tra l'infezione e la produzione di anticorpi rivelabili dal test immunoenzimatico. Che pertanto risulta falsamente negativo.
Si è molto ridotto con i test di IV generazione.
Ma questo parter occasionale a cui viene chiesto di effettuare il test HIV è uno spogliarellista o fa parte di una agenzia di accompagnatori? Perchè uno spogliarellista l'HIV non può prenderlo nè trasmetterlo.......
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno.
Ha fatto lo spogliarellista per un paio di anni quando era piu giovane, poi ha avuto un figlio e adesso lavora da quanto ho capito nella disinfestazione di spurghi e li ogni tot mesi gli richiedono il test per l'HIV .