Utente 421XXX
Salve a tutti vi espongo il mio problema:soffro di ipertensione da qiando avevo 26 27 anni in particolare ho la minima alta adesso prendo amlodipina 10 mg una volta al di pensavo che tutto fosse dovuto al mio peso infatti qualche anno fa pesavo quadi 100 kg ormai e da un anno che corro ogni giorno pr 5 km mangio meno peso 82 kg ho anche credo da sempre una bradicardia al mattino arrivo anche a 40 bpm premetto che faccio una vita alquanto movimentata e un lavoro che mi porta a camminare tanto ultimamente ho eseguito esami del sangue e sono perfetti tutto nella norma ma cmq se non prendo la terapia la pressione torna a salire sarei almeno curioso di sapere da cosa dipende e se si puo curare definitivamnete grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Lei soffre di ipertensione essenziale: dico così perchè presumo che quando le è stata diagnosticata siano state fatte tutte le analisi per escludere una forma secondaria.
Essenziale significa che, pur conoscendo molto su questa patologia( che in realtà è un sintomo) non sappiamo esattamente da cosa è causata.
Tuttavia e per fortuna abbiamo farmaci per curarla bene e evitare che come 60 anni fa faccia danni irreparabili a molti organi.
La corsa (non ecceda sennò si fa una ipertrofia ventricolare Sn da sforzo), la vita sana, la riduzione del peso, quella del sale, la riduzione dei grassi saturi a vantaggio degli poli - insaturi, migliorano la efficacia della terapia e garantiscono una qualità della vita migliore.
Ma se la pressione non torna a target che è 120/70mmhg la compressa la deve prendere vita natural durante.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
la ringrazio x la risposta e' stato gentilissimo; quando dice di non esagerare con la coraa cosa intende? sinceramente avrei voglia di provare con un po di agonismo me lo sconsiglia?
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Intendo dire che al cuore fa bene l'attività fisica, e lei dal suo racconto anamnestico ne fa tanta perchè cammina e si muove.
La corsa a scopo ricreativo la può fare ma la frequenza non deve superare i 120 bpm e quando si sente stanco non deve "spingere comunque il motore" perchè sarebbe dannoso.
Le sconsiglio assolutamente l'attività agonistica: fa male ai cuori più sani a maggior ragione farebbe male a un cuore di una persona ipertesa, anche se in trattamento come lei.
Saluti,
Dott. Caldarola.