Utente 421XXX
Cari dottori è da circa 9-10 anni che ho una quasi totale mancanza di libido con conseguenti problemi di disfunzione erettile.I primi anni data la giovane età ho trascurato il problema ,poi visto che la problematica si faceva sempre più marcata ho deciso di rivolgermi ad un andrologo. Questi a suo tempo mi prescrisse del viagra alla cui assunzione corrispondeva una buona risposta.
Con l'avanzare degli anni il problema diveniva sempre più marcato ed anche col viagra non si avvertiva alcuna risposta. A tal punto(anno 2013) anche sotto indicazione del mio medico curante mi rivolsi ad un altro andrologo. Mi sottopose ad un ecocolordoppler penieno dinamico con iniezione di PGE1 da cui emerse la corretta funzionalità del sistema veno-occlusivo e l'assenza completa di un'eventuale fuga venosa.Mi prescrisse poi degli esami di monitoraggio ormonale: Ttot =3,36ng/ml; LH=2,76UI/L;FSH=2,83UI/L.
In ultima istanza mi fece assumere il cialis e constatai che è il farmaco al quale tutt'ora ho un pò di risposta(min 10 mg). Nel susseguirsi degli anni la situazione non mutò(anzi è andata peggiorando),alchè il mio medico di base ad ottobre 2015 mi fece fare l'esame della testosteronemia che risultò 2,9 mg/ml (limite min 3),per poi ripeterla ad aprile 2016 ed emerse 2,1 mg/ml.
A luglio 2016 un nuovo andrologo mi fece rifare il Ttot=2,9mg/l; LH=3,2UI/L; FSH=2,2UI/L; prolattinemia=13,2ug/L.
Aggiungo inoltre che non ho più erezioni notturne e mattutine da circa un anno,cosa che almeno in passato si verificava alquanto di rado.
Il mio medico di base dice che va tutto bene e che il problema è solo nella mia testa(!!),mentre non mi sono più rivolto all'ultimo andrologo che ho consultato in quanto prima di spendere altri soldi voglio valutare bene ed evitare di fare altri buchi nell'acqua.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore tutto depone per problema psicologico . Se così fosse può tentare la psicoterapia
[#2] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Ho già provato la psicoterapia senza alcun beneficio. Mi risulta strano credere che sia un problema di tipo psicologico dato che mancano completamente le erezioni peniene notturne e mattutine. Oppure se mi provo a praticare l'autoerotismo anche in quel caso non è possibile raggiungere un'erezione completa. Credo che il mio sia più un problema ormonale, in quanto i valori della testosteronemia sono bassi ed anche sotto il valore minimo di soglia. Ad esempio so che uno studio del 1999 che ha esaminato 4393 uomini tra i 32 ed i 44 anni, trovando una valore medio di testosterone (misurato alle 8 del mattino) di 679ng/dL.
Ben al di sopra alle mie medie.


[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Perché ora il signore la penso un po' come vuole ma la diagnosi quella è d'altra parte non sempre le terapie riescono a sto punto si può pensare ad una terapia farmacologica me diventa un pochetto impervia
[#4] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille per la risposta che solo ora son riuscito a leggere!
Scusi cosa intede per "Perché ora il signore la penso un po' come vuole ma la diagnosi quella è d'altra parte"?
Poi in che senso una terapia farmacologica (suppongo ormonale)risulterebbe impervia?