test  
 
Utente 421XXX
Buon Giorno Gent.mi Dottori

Scrivo per avere un chiarimento il più dirimente possibile perchè non riesco a capire come considerare la mia situazione e sto vivendo davvero molto male.

Ho ricevuto un rapporto orale scoperto da una donna del mestiere.

Primo quesito...Alcuni medici lo danno come del tutto trascurabile, altri mi hanno detto che un rischio basso c'è e mi hanno suggerito di fare il test.

Ho famiglia, mi sento responsabile dell'accaduto ed eseguo i seguenti test sia Per HIV, HCV, HBV

Primo test a 32 giorni circa, Eclia laboratorio privato Negativo
Secondo test a 54 giorni, Eclia lab. privato Negativo
Terzo test a 70 giorni, Eclia, lab. privato Negativo
Quarto test a 90 giorni, Eclia lab. privato Negativo (anche sifilide VDRL e TPHA, citomeg. e monotest tutto negativo)

Come potete notare test fatti in preda all'ansia e a linfonodi gonfi

In ultimo a 95 giorni c'era il furgone mobile delle donazioni, ho spiegato la situazione al medico che mi ha fatto fare il prelievo, ma non ho donato perchè sto assumendo antiinfiammatori e devo astenermi per almeno 10 giorni. Ho preso l'OKI perchè mi sento gonfiore ai linfonodi sottomandibolari e alcune volte come delle fitte sotto le ascelle (cosa che mi desta insicurezza e timore).

Ho ritirato il risultato ed è tutto negativo, hanno usato un test anticorpale senza antigene.
Come devo considerare il tutto, lo so che c'è scritto negativo ma ho paura che più avanti si possa positivizzare...
Perchè come nel primo quesito alcuni medici mi hanno detto che è definitivo, altri di ripeterlo a sei mesi (come scritto nel sito CDC di Atlanta del 2016)
Cosa devo fare ancora?, mi sento smarrito e colpevole di aver fatto una C...a non so se riuscirò a reggere per altri tre mesi...
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Infatti non deve reggere nè sei giorni nè tre mesi.
Lei è negativo a tutti i virus testati e i risultati devono essere considerati definitivi.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Dottore grazie per la celere risposta...
Ho letto diversi suoi consulti e la trovo una persona davvero eccezionale...
Non voglio sembrarle insistente ma in un consulto di un altro utente (del 2015) lei stesso affermava che solo il test a sei mesi fosse definitivo
"finchè le linee guida o un organismo sanitario sovranazionale come l' OMS o nazionale come ISS non ci confermeranno che i risultati di questi test vanno considerati definitivi dopo 90 o 120 giorni dal contatto, io devo riaffermare che la negatività del test va considerata cogente e sicura al 100% dopo 180 giorni dal contagio.
A meno che non si ricorra a metodiche alternative che incrociano il test con la ricerca diretta dell'HIV 1 RNA mediante PCR dopo sessanta o novanta giorni."

é cambiato qualcosa rispetto l'anno scorso?
devo fare un test nat?
Scusi dottore un ultima cosa secondo lei posso avere di nuovo rapporti non protetti con mia moglie? Posso davvero archiviare la faccenda...mi creda mi sento davvero schiacciato come da un masso...temo di aver rovinato tutto per una sbandata davvero deplorevole.

Grazie sempre per la sua cortesia
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Allora le confermo che l'ISS ha "decretato" che con i tests attuali di IV generazione "combinati " (con la ricerca della p24) il risultato definitivo deve essere considerato quello ottenuto a 90gg dal contatto a rischio. Ciò anche ai fini medico - legali.
Per HBV - HCV i tempi si riducono ulteriormente.(60gg sono sufficienti)
Ci sono delle eccezioni, ma non la riguardano per cui non gliene parlo.
La Infettivologia si evolve rapidamente.
Mi pare che lei sia afflitto da senso di colpa verso sua moglie e sposti tale sentimento sulle MST.
Le ripeto per la seconda volta di stare tranquillo.
Non serve il NAT test e può avere rapporti non protetti con la sua consorte.
Buona notte,
Dott. Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Grazie è stato molto chiaro...sul senso di colpa ha pienamente ragione, è come se si fosse scatenato un automatismo per il quale ogni minuto penso che ciò che ho fatto mi ha messo in pericolo e adesso devo scontare una pena autoinflitta e merito tutto ciò per la mia leggerezza...soprattutto perchè non ho usato il condom, come si fa ad essere così incoscienti...
Comq. queste sono ossessioni che esulano dal suo consulto, l'importante per me è poter essere tranquillo al 100% di non avere nulla...

Buona Notte anche a Lei
e grazie ancora
[#5] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno Dott.re
volevo informarla che a distanza di 104 giorni dall'evento (rapporto orale passivo) dopo aver mostrato i miei precedenti risultati agli esami effettuati (ultimo combo a 90 giorni, più hcv, hvb e sifilide) e assenza di controindicazioni da parte dell medico di bordo ho effettuato la donazione del sangue.
Oggi ho ritirato gli esiti:

HBsAg Negativo
HCV Ab Negativo
HIV 1/2 Ab Negativo
TPHA Negativo

HCV-NAT Negativo
HIV-NAT Negativo
HBV-NAT Negativo

I valori del sangue sono tutti nella norma.
Le pongo due ultime domande...
Posso chiudere con assoluta certezza questa brutta storia?
perchè le confesso che prima di fare questo mi ero riproposto di fare un ultimo esame a 120 giorni.
Il Periodo finestra per epatite b e c quanto dura, perchè nel precedente consulto lei ha detto che i tempi per hbv e hcv si riducono ulteriormente ed io sapevo, anzi il medico mi disse che per escludere hcv bisogna aspettare sei mesi, e dunque anche i controlli per hcv e hbv sono dati per definitivi a sei mesi. non che io voglia aspettare i sei mesi anzi...prima chiudo questa faccenda prima ritornerò alla mia tranquillità.

Dottore che dirle, grazie sempre per la sua gentilezza e disponibilità, sto lavorando sul senso di colpa e voglio davvero superarlo, ma una risposta esauriente dal punto di vista medico non può che darmi quella spinta e quella sicurezza di cui in questo momento ho bisogno.

Grazie sempre, le auguro Buon Lavoro


[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Lei DEVE chiudere definitivamente questa storia.
Perchè ha fatto anche i NAT test che si positivizzano già dopo 20 gg.
Quindi archivi il caso e come disse Gesù alla Peccatrice:
"Io lo so che i tuoi peccati sono tanti, ma ti sono tutti perdonati. Va e non peccare più"
:-)
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#7] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Ahahahah...mi sono ricollegato perchè sta risposta mi ha fatto morire dal ridere...XDXDXD
comq. davvero un mito...

Grazie...sia per il consulto che per l'assoluzione!
Firmato
"il peccatore del villaggio".


[#8] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
:-)
Buona serata!
Dott. Caldarola.
[#9] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Gent.mo Dottore

Sono ancora io "il peccatore del villaggio"...

Scusi se la importuno nuovamente, ma avrei bisogno di una sua rassicurazione...
In questi giorni non mi sono sentito tanto bene, ho diverse fitte e dolori entrambe le gambe (in particolare quadricipiti)
zona sotto le ascelle bilaterale (in particolare zona toracica, sembra quasi intercostale altezza capezzolo)
linfonodo sottomandibolare dx gonfio e dolente)
oltre una rigidità dei muscoli del collo

"credo" siano tutte manifestazioni di stress, direi distress cumulato in questi 4 mesi.
Oggi ho voluto fare un ulteriore test (ricordo bene che lei mi ha detto sarebbe stato superfluo e di archiviare il caso) a 120 giorni esatti dal rischio, sempre lo stesso laboratorio privato con metod eclia negativo valore 0,05.
Mi rendo conto di essere oltremodo ansioso, ma il suo sostegno e ciò di cui ho bisogno.
Dopo avere donato il sangue a 102 giorni mi ero tranquillizzato, soprattutto per i controlli rigorosi effettuati dai test trinat. Non capisco come (anzi a dire il vero lo so, prchè ancora non mi perdono, non mi assolvo e sono ossessivo compulsivo) sono ritornato a mettere in dubbio i risultati e i test, so che è insensato.
Poi quel simpatico dottore di laboratorio, mi ha detto che i periodi di incubazione possono essere più lunghi di 4 mesi, gli ho detto che avevo donato il sangue e che fosse tutto apposto, ma ha fatto spallucce dicendo che comunque è un buon risultato (mi ha portato l'esempio di alcuni che erano in incubazione da alcuni anni!!)
Dottore io la ringrazio del suo tempo e qualsiasi consiglio si sente di volermi dare è bene accetto, non ho molte persone con cui parlarne e il suo parere significa molto.

Grazie le auguro buon lavoro

un ultima domanda, a suo avviso il rischio cui mi sono esposto è trascurabile? (rapporto orale passivo).
Sono davvero pesante lo so, me ne rendo conto mentre scrivo e me ne dolgo, mi creda è davvero penoso scrivere e doverla scomodare nuovamente.
scusi la lunghezza del post...
[#10] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Guardi con un test negativo a 120 gg se lei non è ancora convinto di essere sieronegativo, non è più l'infettivologo che può aiutarla ma lo Psichiatra o lo Psicoterapeuta.
Lei ha un D.O.C. che va curato.
Lo dico nel suo interesse.

Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#11] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno Dott.re

Cercherò di essere sintetico e preciso (rapporto orale passivo, test combo in diverse occasioni ultimo a 120 giorni, e mi hanno fatto fare la donazione del sangue a 100 giorni dal "rapporto a rischio")
rispetto quanto da lei suggerito sul mio disagio ci sto lavorando, consideri che mi ero buttato tutto alle spalle.
la settimana scorsa esattamente lunedì 26 mi spuntano dei puntini, dei ponfi un pò pruriginosi su mani braccia, gambe e piedi.
Come immaginerà la cosa mi ha rigettato nel panico, sono andato da un dermatologo e per una settimana ho fatto bentelan, pomate cortisoniche e antistaminico.
Questa settimana mi compaiono tre macchiette sotto il capezzolo destro ma non come i puntini delle braccia, che non prudono ne danno fastidio. Due sere fà in concomitanza di quanto descritto, mi compare un pò di mal di gola e otalgia.
Da un paio di giorni gengivite, infatti toccandomi da fuori mi fa pure male.
Ad oggi faccio solo l'antistaminico e fucicort da applicare nelle zone interessate.
Il dermatologo mi ha detto che si tratta forse di follicolite (ma se ho un paio di puntini sul taglio della mano dove non ci sono bulbi piliferi come fa ad essere follicolite?...comq. mi ha dato la cura senza capire cosa sia di preciso) in ultimo mi ha suggerito di fare un ultimo esame sierologico a sei mesi per toglierci ogni dubbio.

Dottore a distanza di 4 mesi e mezzo e dopo gli esami negativi è possibile che stiamo ancora parlando di hiv? o qualcosa ad esso associato come il rash cutaneo?
Dottore...che devo fare? non so più cosa pensare...sono un rottame X(

Grazie sempre.
[#12] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Guardi, se lei ha fatto un test di IV generazione a 120 gg il suo test negativo va considerato dedinitivo.
Non lo dico io ma le linee guida dell'ISS, che definiscono il test HIV di IV generazione deifinito a 90 gg, in accordo con la WHO e i CDC di Atlanta.
Piuttosto mi chiedo se lei abbia fatto anche la sierologia per la Sifilide.
Se non l'ha fatta ne parli con il dermatologo per eseguire una VDRL e un TPHA.
Mi pare che il suo dermatologo segua linee guida differenti da quelle ufficiali.
Poichè l'ha in cura lui e il mio è un consulto telematico è a lui che deve chiedere spiegazioni e fare riferimento.
Il mio parere, sifilide compresa, l'ho già espresso.

Saluti cari,
Dott. Caldarola.
[#13] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buongiorno dottore
Grazie dell'attenzione
Sinceramente non so se il dermatologo segua le linee guida o non sia aggiornato, devo dire che il non comprendere la mia situazione e il tarlo di poter avere qualcosa e non sapere cosa mi fa vivere molto male.
Ho effettuato diverse analisi a distanza dal rapporto a rischio:
a 90 giorni test combo per HIV, epatite c e b, tpha e vdrl, presso lab privato. Negativi
A 102 giorni ho donato il sangue e hanno fatto diversi test di idoneità, tra cui la sierologia per HIV, epatiti, tpha, e test trinat, negativi.
A 120 giorni test combo per HIV e epatiti, negativi. (22 settembre)
settimana scorsa mi spuntano i puntini e una macchietta rossa sul collo.
Di certo continuerò a farmi visitare e comprendo i limiti di un consulto telematico, ma il suo parere di infettivologo è per me davvero importante.

Grazie della disponibilità, buon lavoro
[#14] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Guardi,
io non posso che ribadirle che con i test che ha fatto lei NON è HIV sieropositivo.
Il test a 90 gg è definitivo: non lo dico io lo dice l'Istituto superiore di sanità!
Lei ne ha fatto uno pure a 120 giorni. NEGATIVO
Di questo passo le si consiglierà di farlo ad un anno!
In quanto alle lesioni non mi posso esprimere perchè non le ho viste.
Ripeta la VDRL e il TPHA per sua tranquillità.
E forse è opportuno che si rivolga ad un dermatologo più competente.
Faccia sapere se vuole.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.

[#15] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buona sera Dottore

il dermatologo asserisce che si tratti di disidrosi, follicolite e qualche eczema. Dovuti a stress. esclude si possa trattare di sifilide secondaria o hiv (la malattia che più temo).
Non ho macchie sui palmi o sulle piante dei piedi.
in ogni caso volevo chiederle quali sono le tempistiche per effettuare il test per la sifilide, quali esami effettuare...
glielo chiedo perché a 90 giorni dal contatto ho effettuato presso lab privato il TPHA e VDRL, negativi. Pensavo fossero definitivi.

Se mi consiglia di ripeterli, a che tempo è possibile affermare con certezza che il test sia definitivo?
Se li faccio in settimana saranno trascorsi 138 giorni.

Grazie sempre, buona serata


[#16] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
A novanta giorni sono definitivi sia i test per la Sifilide che per l'HIV.
Se li ripete a 120 giorni saranno "stradefinitivi".
:-)
Mi faccia sapere se vuole.

cari saluti,
Dott. Caldarola.
[#17] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buon giorno Dott.re

volevo chiederle una cosa, che ho dimenticato di menzionare.
Da qualche settimana, anche un mese, ho notato il rigonfiamento doloroso e persistente sotto il mento, lato destro.
non capisco se sia un linfonodo o una ghiandola salivare infiammata, è come una pallina.
Domani andrò a fare nuovamente i test per la lue, e hiv.

Secondo lei, se i test escludono queste cause (e me lo auguro davvero), potrebbe essere qualcosa di batterico?, tipo stafilococco, forse spiegherebbe il dolore sottomandibolare e la presenza di queste macchie, della disidrosi o eczemi.

Grazie sempre della sua attenzione


[#18] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Guardi sulla pallina dolente e persistente sotto il mento non posso esprimermi, poichè non la posso neppure valutare con le mani.
Tagli la testa al toro e faccia una ecografia: potrebbe essere un linfonodo o una sialolitiasis.

In quanto ai test a cui fa riferimento, a meno che il laboratorio non abbia commesso un errore grossolano, non potranno che essere negativi.
Faccia sapere, se vuole.

Cordialità
Dott. Caldarola.
[#19] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buona sera Dott.re

come dal precedente colloquio domani mattina andrò a rifare i test hiv e per la lue (tpha e vdrl).

le scrivo perchè oggi pomeriggio mi sono accorto o meglio mi è spuntata una macchia un pò scura sul dorso del piede, non dolente, come fosse una specie di livido.
sono estremamente preoccupato possa essere kaposi, perché ho letto che anche in assenza di hiv può manifestarsi a causa del virus 8, mi sembra hh8 che può trasmettersi tramite saliva.

Dottore sono terrorizzato, è possibile che con un unico rapporto orale io abbia beccato sto virus?
Ho letto anche che questo virus da solo non riesce a prevalere su un sistema immunitario forte, infatti colpisce soggetti immunodepressi e anziani. è possibile che per il forte stress abbia compromesso il mio sistema immunitario a tal punto?
Non si sa molto di questo virus e non è annoverato tra le mst potenzialmente trasmissibili, come mai?

Dottore mi chiarisca le idee la prego
[#20] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Il Kaposi è determinato, nei giovani, dall'HSV8 che non è causale ma ha una azione predisponente in caso di serio deficit dell'immunità cellulo -mediata di qualunque origine.
Non è certamente lo stress che le può ridurre l'immunità a tale livello da procurarle un Kaposi.
Diversamente ci sarebbe una pandemia di Kaposi.
l'HSV 8 non è tra le MST perchè si manifesta in soggetti che non hanno mai avuto rapporti a rischio ma hanno una predisposizione a slatentizzarlo, dato che è molto diffuso in forma latente, come tutti gli Herpes virus, nella popolazione SANA.
Quindi di tranquillizzi e mi faccia sapere, se vuole, i risultati delle analisi, appena li abbia.

Buona giornata,
Dott. Caldarola.
[#21] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Grazie sempre della professionalità
Che dimostra in ogni risposta

Stamattina ho fatto il prelievo in un laboratorio diverso, perché voglio evitare che pensino male di me con tutte ste analisi per mst, manco fossi un attore di film per adulti.
Purtroppo gli esiti me li daranno giovedì, mentre con l'altro potevo averli in giornata.
Spero sia tutto in ordine...due giorni di apprensione

Dottore scusi se le richiedo una ulteriore rassicurazione sul discorso della kaposi, so che se lei risponde in scienza e coscienza ai quesiti che le vengono posti, è una cosa che posso escludere totalmente?

Grazie sempre per tutto, le farò sapere i risultati

Buona serata
[#22] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Si la escluda. Con i limiti del consulto telematico, credo che si tratti prorpio di un "livido" che in poco tempo si riassorbirà.
A presto dunque,
Buona serata,
Dr. Caldarola.
[#23] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Carissimo Dott. Caldarola

Come previsto aveva ragione su tutta la linea
Oggi ho ritirato gli esiti dei test effettuati presso un altro laboratorio (anche questo molto valido) a distanza esatta di 139 giorni.

VDRL (Treponema pallidum antic.) NEGATIVO
TPHA (Treponema pallidum) NEGATIVO

HIV (Ag-P24 IgG-HIV 1/2) (DUO-QUICK 4 generazione) NEGATIVO

La macchietta sul piede è scomparsa, probabilmente un livido.
Credo si possa affermare che siano risultati sicuri e definitivi.

Dottore la ringrazio veramente di cuore per la sua professionalità e per la sua vicinanza.

Le auguro una buona giornata

[#24] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Di nulla!
Le auguro ottime cose!
Dr. Caldarola.
[#25] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buona sera dott. Caldarola
Volevo chiederle una cosa, siccome mi è stato consigliato dal mio medico di fare il vaccino per l'influenza, questo può creare interferenze con i test sierologici?
Lo chiedo perché se effettuerò una nuova donazione del sangue, o un controllo, non vorrei sfalsare i risultati. Nel caso possa fare interferenze a che distanza dal vaccino ci si può sottoporre a controllo?
Forse non è necessario dopo gli esami da me svolti (screening per donazione andata a buon fine a100 giorni da un rapporto a basso rischio e sierologia a 140, tutto negativo) ma in tutta onestà volevo chiudere con quello a sei mesi.

Grazie sempre di tutto
Buona serata
[#26] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Si è possibile che le IgM prodotte in risposta all'inoculo del vaccino antiinfluenzale possano dare falsi positivi per ai test anticorpali per HIV e HCV.
Il fenomeno è transitorio e scompare in circa 20 giorni.

Per cui o fa il test prima o lo posticipa.
Posto che lei non ha bisogno di nessun test.

Buona serata,
Dott. Caldarola.
[#27] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
Buona sera dott. Caldarola

Ero un po' indeciso se importunarla, ma i suoi consulti finora mi hanno aiutato molto.

Sabato sera mi sale la febbre a 37 e mezzo con brividi di freddo, si aggiunge un fastidioso mal di stomaco con sensazione di nausea.
Dopo la tachipirina il giorno dopo mi alzo sfebbrato ma è da più di due giorni che mi fa male lo stomaco, ho diarrea e questa sensazione di risalita alla gola, tipo nausea. Non ho avuto reflusso. Nonostante il cibo leggero, il Vsl3, la situazione non migliora.
Inoltre sono indolenzito, in particolare modo nella zona del tronco,mi da fastidio persino passare la mano sopra, quasi mi "tirasse" la pelle o i peli.

Dottore io ho ripetuto circa 10 giorni fa al lab un altro esame a 180 giorni eclia per HIV,hcv e hbv. Tutto negativo. Adesso questa diarrea e il mal di stomaco così insistente mi fanno temere possa essere altro piuttosto che un virus influenzale.

Vorrei chiedere cosa posso fare per migliorare il mal di stomaco e la nausea.
Ultima domanda, sarebbe possibile che il test abbia dato esito negativo, perché si è scatenato tutto negli ultimi 10 gg?, dopo numerosi test negativi?

Grazie sempre per il suo tempo
[#28] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
se lei continua a fare test HIV ad libitum ( il prossimo quando?) avendo la certezza che è sieronegativo lei non ha problemi infettivologici ma problemi di ansia che non può curarle l'Infettivologo ma altre figure professionali ad hoc.
Se di più dopo un test a 180 gg negativo lei si spaventa per una sindrome influenzale, la invito a contattare uno Psicologo o uno Psichiatra appena sarà guarito.
Questo è il mio consiglio nel suo esclusivo interesse.

Cordialità,
Dott. Caldarola.