Utente 422XXX
Buonasera, prima di elencare i problemi per i quali ho deciso di scrivere in questo forum, vorrei fare un breve riassunto della mia storia clinica: quando ero molto piccola mia hanno diagnosticato due malattie rare, una sferocitosi e la sindrome di crigler-najar. Mi hanno ricoverata molte volte in seguito a varie infezioni a causa dei livelli altissimi di bilirubina, ma non ho mai avuto bisogno di una trasfusione. A 5 anni mi hanno operata e praticato una splenectomia parziale e colecistectomia, poi una volta cresciuta, nel 2006,mi hanno operato nuovamente splenectomizzandomi totalmente. Da allora non ho più avuto gravi problemi di salute.
A 16/17anni ho iniziato a soffrire di anoressia nervosa con conseguente amenorrea, il mio peso era arrivato a 48 kg x 175 cm . Dopo un ricovero ospedaliero e consulti con una psicoterapeuta, con grandi sforzi sono riuscita a mettere peso arrivando ora, dopo 5 anni, a pesare dai 58 ai 60 kg. Purtroppo in questo periodo di tempo l'anoressia è tramutata in bulimia, ne soffro ormai da quasi 6 anni, con periodi di remissione e periodi acuti dove arrivo a vomitare anche a tutti i gironi, più volte al giorno. Ma arriviamo ad oggi: due settimane fa ho avuto la febbre alta (anche 39.5) per 5 giorni, faceva molta fatica a scendere nonostante tachipirina e antibiotico. il terzo giorno infatti sono andata in ps perché avevo anche dolori al petto nel respirare. Li mi hanno fatto gli esami del sangue "standard" da protocollo e una rx toracica. Gli esami del sangue erano nella norma, anche l'emocromo era molto bello, pcr un pó alta e la radiografia negativa. Dopo una flebo di perfalgan mi hanno dimesso e dopo 2/3 di antibiotici sono guarita (Specifico che non avevo richiami d'organo, solo febbre alta e mal di testa fortissimo). Sono partita per il mare e pensavo fosse tutto finito, se non che 3 giorni fa, mi sentivo molto debole, ho misurato la pressione ed era bassissima. Ho subito preso due bustine di polase e mi sono sentita meglio ma purtroppo mi è rimasta una orrenda sensazione di dispnea, tachicardia e a volte giramento di testa. La pressione è migliorata ma gli altri sintomi no. La scorsa notte mi sono alzata per andare in bagno e sono quasi svenuta, avevo le gambe rigide e tremavo, facevo fatica a respirare e mi sono spaventa. mia mamma mi ha tranquillizzata , dicendo che era solo ansia, mi ha dato 6 gocce di valium e dopo mezz'ora mi sono riaddormentata. Io però non sono affatto tranquilla , ho paura che la bulimia abbia compromesso il mio cuore e non so se la febbre di due settimane fa possa avere qualcosa a che fare con quello che sta succedendo oggi.
Ringrazio anticipatamente chiunque legga questo lungo messaggio e mi risponda.
Virginia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Se lei vomita perde elettroliti e se perde elettroliti si predispone ad eventi aritmici cardiaci.
Programmi col suo curante una routine ematochimica con particolare attenzione alla funzionalità renale(Azotemia e Creatininemia) e all'elettrolitemia (Sodio - Potassio - Magnesio - Calcio e fosforo) e a quella epatica (AST/ALT - Gamma GT - Bilirubina totale e frazionata - Fosfatasi alcalina - Protidemia totale ed EFP).
Chiaramente un emocromo completo e il pattern del ferro (sideremia e ferritina).
Sul versante cardiologico: pianifichi un Ecocardiogramma ed un Holter ECG/24 h
Faccia sapere notizie, se vuole ovviamente.
Saluti,
Dott. Caldarola.