Utente 180XXX
Egregi dottiri di "medicitalia", con la presente voglio porvi una domanda che da tempo mi faccio a cui però non sono riuscito mai a dare risposta.
Da molto anni, l'intimità per me ha tristemente acquisito un valore relativo in virtù del fatto di non provare piacere ne nell' atto penetrativo ne nelle forme di espletamento del piacere a noi tutte note difficilmente raggiungendo l'orgasmo.
Il problema di fondo è che non avverto piacere se non in minima parte, fatto a cui ormai ho rassegnato le mie speranze quasi abituandomici ma con enorme malinconia.
Chiedo a voi egregi Dottori se questo possa essere un sintomo di qualche patologia o dipenda comunque da cause medicalmente spiegabili.
Ringrazio cordialmente per l'attenzione.

Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore la anorgasmia e la mancanza di piacere sono sintomi puramente psicologici e pertanto bisogna che si rivolga a esperto psicologo tenga presente che non sono sintomi facile da rimuovere soprattutto dopo anni Di attesa
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo qualche riflessione a quelle del dr. Cavallini ed una lettura

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1600-eiaculazione-ritardata-piacere-tarda-ad-arrivare.html

La tematica del piacere e del non piacere, in assenza di patologia organiche, è davvero molto complessa...

La diagnosi deve essere scrupolosa e competente, ci sono vari gradi di gravità nel L'eiaculazione ritardata:

1- quando il paziente non raggiunge mai l'orgasmo, soltanto di notte con polluzioni notturne, senza in censorio controllo della coscienza.

2- quando il paziente raggiunge l'orgasmo soltanto con L'autoerotismo, ma da solo, senza la partner

3- quando il paziente raggiunge l'orgasmo con la masturbazione in presenza della partner

4- quando il paziente raggiunge l'orgasmo grazie alla masturbazione o altre pratiche extra coito praticate dalla partner.


Le cause sono svariate:

Psichiche
Educative, religiose...
Diadiche, cioè di coppia
Intra psichiche
Inconsce
Relative all'immaginario erotico
All'orientamento sessuale
Agli stili di vita
Agli apprendimenti sessuali
Alla presenza di possibili nuclei fobici...e così via


Tutti da analizzare con cura, competenza, e soprattutto, de visu