ansia  
 
Utente 397XXX
Buonasera, ho 22 anni e da più di due settimane soffro di un dolore al petto difficile da spiegare totalmente. È come un bruciore che si alterna a dolore, tipo fitte o come se qualcuno spingesse dall' interno, di tipo compressivo e sento come un nodo alla gola. Mi sembra più presente da sdraiato rispetto a quando sono in piedi. Durante l' esercizio fisico mi sembra di non sentire nulla. È piuttosto fastidioso. Ieri sono stato dal medico e mi ha detto che può essere un dolore intercostale oppure ho preso freddo, siccome faccio camminate in montagna. Ma mi sembrano troppi ormai quindici giorni. Mi ha dato delle pastiglie omeopatiche per l' ansia, perché sono un tipo ansioso ed agitato. Ero un fumatore sino a 20 giorni fa, ora ho smesso. Non riesco a capire di cosa possa trattarsi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Il suo medico le ha detto che si tratta di una nevralgia e l'ipotesi non è improbabile dato che i dolori nevralgici durano a lungo, anche un mese.
Io, personalmente, sebbene lei sia giovane e la possibilità di una cardiopatia remota, le avrei programmato un Ecocardiogramma, un Test da sforzo Massimale al Tapis Roulant o al cicloergometro e in seguito, se negative queste indagini, uno studio della sua continenza cardiale con gastroscopia.
Ma non posso intrufolarmi nel cervello del suo medico.
Le pastiglie omeopatiche per l'ansia servono a chi le produce, a chi le vende e spesso a chi e prescrive. E alleggeriscono il suo portafogli. Ma l'ansia le resta.
Saluti,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Ma quindi un problema cardiaco è da tenere in conto. Speriamo non si tratti di ciò. Perché in effetti i dolori possono essere correlati anche ad angina ed infarto e la cosa mi preoccupa non poco.