Utente 421XXX
Buonasera, vi ringrazio per le future risposte. Prima di porvi il mio quesito devo partire dal passato. Durante un controllo periodico dal pediatra, quest'ultimo ha notato che la pressione era un po'alta, non tanto la massima quanto la minima. Ci ha consigliato di controllare la pressione periodicamente a casa e questa è sempre stata ottima, 110/120 e 70/80. Quando ci siamo rivolti ad una dietologa anche lei ha riscontrato la pressione un po' alta e ha consigliato una visita cardiologica, da cui non è emerso niente. mio figlio, è una persona un po' ansiosa e tesa, che spesso si agita per niente ed anche i medici hanno concordato che forse è stata l'ansia delle visite a creare ciò. Recentemente mio figlio ha avuto una crisi d'asma ed in ospedale lui tremava ptoprio per l'ansia e non propriamente per la crisi d'asma. Infatti anche i dottori hanno tentato di farlo calmare poiché la pressione era a 140 e 95, e i battiti cardiaci da 80 improvvisamente si alzavano anche fino a 130.Da allora, mio figlio su questo fatto della pressione iniziava a marciarci un po' sopra e abbiamo preferito non misurargliela più. Abbiamo notato che lui a volte, essendo anche un soggetto asmatico, anche dopo aver percorso scale un po' più lunghe o distanze medie lamentava una "tachicardia" (che noi sinceramente crediamo sia di natura psicologica). L'altro giorno, dopo aver litigato con degli amici era ansiosissimo e non riusciva a dormire neanche la sera. Abbiamo misurato la pressione e questa era di 145 e quasi 95. Dopo una camomilla è riuscito anche a dormire. Gli abbiamo parlato di cercare di controllare le sue emozioni, ma a quanto pare non ci riesce. Dovrei preoccuparmi? Cosa mi consigliate di fare? È un problema di natura cardiaco o pensate si tratti solo di ansia e tensione? Ha 14 anni. È alto 166 cm e pesa 65 kili. Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il cuore non c'entra in ogni caso...
i valori pressori che riporta, effettivamente sono compatibili con un assetto psicologico di tipo ansioso. A 14 anni è altamente improbabile che soffra di ipertensione.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 421XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio tanto per la risposta. Il fatto è che la pressione a volte è un po' alta come le ho detto, ed essendo morto in famiglia un mio cugino per infarto all'età di 18 anni mi ha spaventato. Da aggiungere è che sia la mia famiglia che quella di mia moglie è ricca di cardiopatici anche piuttosto giovani. Quindi questa pressione non puó provocare ripercussioni o altri sul ragazzo? Mi consiglia di fargli capire che deve imparare a gestire questa ansia? E se si in che modo? La ringrazio anticipatamente.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
io sono un cardiologo e quindi mi limito ad esprimermi per quanto attinente alla mia branca. Per i problemi di ansia di suo figlio deve rivolgersi a uno psicoterapeuta.
Saluti