Utente 785XXX
Salve.
Ho 18 anni e mi sono accorto di avere un neo che mi ha messo molto in agitazione: i bordi non sono lisci ma frastagliati in certi punti. Il suo aspetto potrebbe ricordare un trapezio arrotondato con i dentini. Colore: non sembrano esserci grandi sfumature o colori strani (tutto è sul marroncino), ma è come se vedessi un nucleo un po' piu' scuro, circondato da una zona leggermente piu' chiara, dalla quale partono delle irregolarità: questa differenza di colore pero' è veramente minima (trascurabile?), il nevo rimane comunque a prima vista di colore uniforme.
Sono stato dal medico generico, che mi ha detto che secondo lui NON si tratta di qualcosa di serio: il nevo è frastagliato, ma comunque ha un buon colore, è tondeggiante ed ha i bordi ben delimitati.
Vi dico subito che non ho lentiggini, ho i capelli castani e la mia pelle si abbronza senza troppe difficoltà (il medico ha detto che ho un tipo di 3 di pelle). Il medico mi ha detto che se voglio un secondo parere posso andare dallo specialista dermatologo.
Non capisco pero' bene il discorso del medico: non dovrebbe PER GARANTIRE LA massima SICUREZZA mandarmi in ogni caso dallo specialista, visto che comunque il melanoma è qualcosa di estremamente serio, e il mio nevo "non ha tutti criteri di normalità" (come ha lui stesso detto)? Inoltre ha esaminato il neo senza luce, "in ombra".
Come valutate la situazione del mio nevo?
Quello del medico è un atteggiamento abbastanza serio e premuroso? Vado comunque dal dermatologo? Sono in ansia forte.

Attendo un'urgente risposta
Grazie!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Oggi bastano pochi minuti per stabilire se un neo è semplicemente un neo. Ogni dermatologo dispone di uno strumento denominato dermatoscopio, con il quale al momento della visita specialistica può osservare le strutture cromatiche e vascolari di ogni singolo neo. La dermatoscopia (o nevoscopia) è una tecnica rapida e molto affidabile. Per quanto riguarda la Sua descrizione accurata, esistono diversi criteri clinici indicati con le prime 8 lettere dell'alfabeto ABCDEFGH che servono a sensibilizzare il paziente o il medico curante sulla necessità di una visita dermatologica.

A) ASIMMETRIA;
B) BORDO IRREGOLARE;
C) COLORE NON UNIFORME;
D) DIMENSIONI SUPERIORI A 6 MM;
E) EVOLUZIONE (modifiche in poco tempo);
F) FAMILIARITA' PER MELANOMA; FOTOTIPO;
G) GRAN NUMERO DI NEVI;
H) HALO (alone biancastro).

Chiaramente questi sono dei parametri puramente indicativi. Un colore non uniforme si può osservare anche in situazioni non necessariamente patologiche così come un alone biancastro intorno al neo, lo si riscontra normalmente nei cosiddetti nevi di Sutton, formazioni del tutto benigne. L'unico punto importante che il paziente dovrebbe ricordare è quello contrassegnato dalla lettera E (evoluzione), nel senso che qualsiasi modifica avviene in poco tempo, va controllata presso il proprio dermatologo, con eventuale dermatoscopia. Ne parli con il Suo dermatologo di fiducia e si toglierà il dubbio in pochi minuti. Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
L'epiluminescenza è la tecnica che fa al suo caso: chi la effettua è il dermatologo: proceda con serenità ma con determinazione verso questa ipotesi.

cari saluti
[#3] dopo  
Utente 785XXX

Iscritto dal 2008
ringrazio per le risposte tempestive

se bisogna dare un peso ai vari criteri (Asimmetria-Bordi,ecc.)
quale è quello o quelli che dovrebbero allarmare di piu'?

mi faro' comunque visitare dal dermatologo in settimana

saluti cordiali

[#4] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
12% attualità
12% socialità
SCAFATI (SA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
E' buona regola effettuare una visita dermatologica con dermatoscopia (epiluminescenza) periodicamente secondo le indicazioni del proprio dermatologo e quando si osservano situazioni nuove (es. comparsa di un nevo che prima non c'era) o modifiche repentine di qualche nevo (variazioni di forma, colore, etc). I criteri ABCDEFGH sono solo indicativi e la lettera E (evoluzione repentina) è sicuramente la più importante. Sarà il Suo dermatologo al momento della visita a dare il giusto peso ai suddetti criteri clinici e ai criteri dermoscopici che risulteranno all'epiluminescenza. Troverà un mio articolo sull'argomento in questione al sito http://www.ildermatologorisponde.it/mappa_dei_nei.html

Cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Le saggie indicazioni poste dal Collega Del Sorbo, non possono però rendere autonomo un paziente:

egli in caso di minimo dubbio deve prontamente determinarsi con lo specialista Dermatologo per una diagnosi corretta e precisa.

lo faccia senza esitazioni.

cari saluti
[#6] dopo  
Utente 785XXX

Iscritto dal 2008
solo una piccolezza:

il medico generalista non dovrebbe essere perfettamente in grado di stabilire se un nevo è sospetto o meno, e quindi di mandare subito dallo specialista il paziente?

grazie