Utente 422XXX
circa 2 mesi fa sono andato al pronto soccorso e la diagnosi era una sublussazione del pollice con lesione di stener, mi hanno fasciato la mano senza riposizinare le due ossa con una stecca, credendo che erano dritte ma in realtà la sublussazione era verso l'interno del pollice e non si vedeva affatto ad occhio nudo, come anche ora, hanno poi invitato a fare una risonanza e da poco una radiografia, di recente si sono resi conto che la sublussazione è stata solo fasciata ma le due falangi non sono state riposizionate, dopo tanti giorni si sono calcificate storte, mi hanno detto che potrei anche tenerle così dato che in parte si muove il pollice e le complicazioni di un tale intervento potrebbero darmi ancora più problemi e potrei avere forte rigidità tensioni e dolori. Tengo presente che l'osso storto del pollice preme leggermente sul tendine e credo questo dia enormi problemi in futuro, già da ora avverto strani formicolii e tensioni alla mano e sento i tendini della mano e a volte del braccio tirare leggermente. Vorrei un consiglio su cosa potrei fare e le possibili conseguenze nell uno e nell altro caso che il pollice sia operato, grazie.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

la lesione di Stener richiede sempre un intervento chirurgico.

Va però vista l'eventuale (probabile) lassità articolare oltre ai disturbi funzionali del suo pollice, prima di procedere con un intervento a distanza di 2 mesi dal trauma.

Buona serata.