Utente 351XXX
Buonasera, sono una donna di 36 anni e ho fatto una visita senologica con ecografia a scopo di prevenzione. Non avevo mai fatto un'eco al seno e mi è stato consigliato di iniziare a farla. La visita e l'ecografia sono andate bene, ma la dottoressa che mi ha visitato ha refertato la presenza di un linfonodo ascellare (sinistra) reattivo di 14,7x4,3 mm. A destra non c'è nulla. Io al tatto non riesco a sentirlo e non è dolente. Mi ha detto di stare tranquilla, che essendo l'ecografia negativa, probabilmente il linfonodo si è attivato per un motivo banale: depilazione, deodorante aggressivo, sforzo muscolare (ho spesso la mia bimba di un anno in braccio). Ho consultato la mia dottoressa di base e anche la mia ginecologa ma non riesco a tranquillizzarmi. La dottoressa di famiglia mia ha detto che tra un paio di mesi potrei ricontrollarlo facendo un'altra eco per verificare se è sparito o diminuito di dimensione, giusto per monitorare la situazione. La dottoressa che ha fatto l'ecografia mi ha soltanto detto di controllarlo durante l'auto palpazione mensile...ma io non riesco nemmeno a sentirlo! Questo linfonodo non potrebbe essere la spia di qualcosa di altro, anche non legato al seno? Sento talvolta parlare di linfomi...Insomma mi sto facendo mille preoccupazioni, riuscite a rassicurarmi o consigliarmi qualche accertamento ulteriore (se necessario)? Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive starei tranquilla e il riscontro di un linfonodo reattivo ascellare ha scarso significato patologico.

Ora però in attesa degli approfondimenti (= eventuali controlli) non si rovini l'esistenza (^____^) cercando informazioni sulla rete su un tema così ansiogeno
Legga perchè dovrebbe staccare e le allego alcuni consulti, anche se richiesti su temi differenti, ma che hanno in comune...la cancerofobia.
http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html
http://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-interna/485977/Linfonodi-collo-gonfi#2225113
http://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni
http://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/501083/Preoccupazione#2295319
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

Tanti saluti
Salvo Catania

[#2] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
Grazie Gentilissimo Dottore per il suo riscontro. In effetti ha ragione, il tema è ansiogeno e crea ansia in una persona già apprensiva e ansiosa. Per questo, nonostante 3 dottoresse mi abbiano rassicurato sulla questione, non riesco a rasserenarmi.
La sua risposta mi dà ulteriore conforto.
Le chiedo, infine, due cose:
- ritiene opportuno che io faccia tra 2 mesi un'altra eco per valutare il linfonodo (come ha detto il mio medico curante) o non ne ravvede il bisogno?
- crede ia opportuno fare qualche altro controllo? Le ultime analisi del sangue risalgono a marzo ed era tutto perfetto. I medici non mi hanno consigliato nessun approfondimento. Cosa ne pensa?
Grazie di nuovo e buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Difficile rispondere a distanza senza una visita ma da quanto scrive farei il controllo ecografico come consigliato anche se a 2 mesi mi sembra, sempre da quanto descrive, scrupolo persino eccessivo.