Utente 384XXX
Gentilissimi, vi scrivo per avere un ulteriore confronto. All'inizio di agosto ho avuto un rapporto orale passivo non protetto. Nessun tipo di penetrazione. All'incirca dopo dieci giorni, dopo una masturbazione al mattino, la sera ho avvertito come una scossa sul glande e sensazioni di punture spillo proprio sul meato uretrale che all'indomani risultava rosso e gonfio. Nessun bruciore alla minzione e nessun tipo di secreto. Preoccupato mi reco due giorni dopo dall'Urologo e gli spiego la situazione. Aggiungo tra le altre cose che proprio quel giorno avevo cambiato sapone intimo e avevo abusato di caffè. In me inizia paure delle MST. Lui mi consiglia di tornare al sapone intimo più delicato e di non preoccuparmi.
Sempre due giorni dopo avvertivo un senso di pesantezza zona pubica e soprattutto pelvica, esattamente in zona sinistra addome basso, tipo cinta stretta. Contatto Urologo e mi prescrive Levofloxacina x os 1/die. Non contento mi rivolgo al mio medico di famiglia che decide di sospendere antibiotico ma di fare semplici impacchi acqua e amuchina, per lui si tratta di una infiammazione del glande. La cosa non passa e inizio ad avvertire dolori in zona pubica, scroto, perineo e tutta zona pelvica. Anche la notte avverto fastidio. Alcune mattine mi sono svegliato con una sensazione di puntura sul testicolo e e radice delle cosce un po' doloranti. Ritrono dall'Urologo e chiedo quanto possa essere a rischio mst. Lui esclude la cosa e classifica il mio problema come prostatite; procede all'eco dei testicoli, tutto normale. In questi giorni noto occhi rossi.
Non contento per paura di mst mi rivolgo a due diversi dermatologi, uno classifica il problema come balanopostite, l'altro come una semplice infiammazione del glande. Non contento, ormai sono nella spirale della paure, faccio esame urine e urinocoltura. Tutto nella norma. Non contento ancora, e sopraffatto da continui sintomi, non so se di tipo somatoformi come dicono i medici ascoltati fino ad oggi, faccio tampone per ricerca clamidia, tampone per gonorrea e tutto il resto, ricerca clamidia primo mitto con metodo Elisa, e tampone su glande ricerca miceti. Risultato negativi. Ora, onestamente, non so cosa pensare e a chi rivolgermi. Sono tornato in laboratorio qlc giorno fa perchè, dopo una masturbazione, premetto che non ho avuto dolore o perdite di sangue, ho notato che il glande risultava sempre bagnato fino a vedere qlc gocciolina. Ho chiesto di fare spermiocoltura, un ennesimo tampone e una raccolta di questo liquido che trovavo attorno al glande, che non ho più trovato il giorno dopo. Attendo risultati martedì.
Al mattino mai trovato secrezioni, quest'oggi, dopo circa 35 giorni dall'esordio nello spremere glande è venuta fuori una gocciolina trasparente.
Da premettere che in questi giorni i miei dolori sono aumentati, alle anche, dolore alle gambe e i soliti doloretti fastidiosi in zona pelvica e pubica, raramente allo scroto.
Sono caduto in questo periodo nella paura. aiutatemi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore è altamente verosimile che lei abbia una infiammazione al glande e forse anche una prostatite. non penso che sia legato al sesso orale, ma forse ad altre cause non definibili. in ogni modo penso che avrebbe fatto meglio a seguire il consiglio dell'urologo nel prendere lì'antibiotico. se per caso il disturbo persiste forse può comunque iniziare la cura come le aveva prescritto l'urologo. In ogni modo le consiglio di avere una protezione (preservativo) se fa sesso orale con persona con cui non ha una quotidianità e univocità di rapporti. i rischi potenziali sono elevati. Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Gentilissimo dottore, le comuni che, negli ultimi esami effettuati, un nuovo tampone uretrale e spermiocoltura, i risultati sono negativi tranne che nel tampone uretrale questa volta ho trovato Citrobacter Koseri. Interpellato urologo mi ha detto che secondo lui è strano che sia nel primo tampone uretrale che in urinocoltura non sia uscito nulla e ora spunta questo gran negativo. Falso positivo!? Non grave mi ha detto di assumere ciprofloxacina 500 mg x 8 giorni mattina e pom. Ora il problema e che fastidi pubici e radici cosce continuano. Vorrei sottopormi a ricerca PCR di Clamydia su primo mitto e tampone uretrale. Dopodiché non so più a che santo votarmi. Tutti mi dicono che somatizzo perché mi sto fissando con Clamidia ma i dolori li ho davvero. Stamattina una goccia alla spremitura del glande è uscita ed era trasparente e collosa. Davvero non so più. Anche questi occhi rossi ho paura siano dovuti a congiuntivite effetto dell'artrite reattiva di Reinaud. Oculista mi ha dato alfaflor che contiene eritromicina. La cosa leggermente è migliorata ma la mattina e in serata ho cmq occhi leggermente rossi. Ho paura che mi stiano sottovalutando e che mi stai venendo artrite reattiva.
Ho anche pensato al dolore pelvico dovuto a Fibromialgia, ne soffro e alcuni tender point sono reattivi alla pressione, tipo gran trocantere. Ma non mi spiego uretrite, meato arrossato, goccia trasparente al mattino e occhi rossi. Non ci sto capendo nulla.
Aiutatemi.
Grazie ancora
[#3] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore si affidi al suo medico e si faccia guidare da lui. Ho l'impressione che stia incrementando oltre misura il suo stato di ansia andando a destra e sinistra senza un razionale. Descrive sintomi di ogni genere non facilmente riconducibili ad un unico problema. Cari saluti
[#4] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Gentilissimo dottore, oggi il mio urologo mi ha detto di cominciare ciproxin 500 die x 2 in 8 giorni. Inizio questa terapia e vediamo come va.
Molte cose non mi sono chiare però. Se fosse davvero una prostatite di tipo abatterico, visto che dalla spermiocoltura risultati sono negativi, come mai questi dolori, fitte e bruciori al pube e dolori interno coscia sono presenti in modo non sempre presente!? Riguarda anche il dolore testicolare!? E come mai da ormai un mese abbondante ho chiaramente il meato uretrale rosso e in erezione il meato assomiglia a due labbra!?
E ancora, dopo masturbazione, per ore mi ritrovo glande bagnato. Sono sintomi associabili ad una prostatite o ad una infezione o MST pur con tutti tamponi e urinocolture e ricerca Clamydia negativi?
Grazie
[#5] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore la sua balanite (infezione del meato uretrale) se non trova una giustificazione in una infezione batterica, potrebbe essere legata al contatto con saponi irritanti, con creme spermicide, con ovuli vaginali o a rapporti accesi e ripetuti (anali per esempio).ecc. La prostatite può essere secondaria a questo processo e quindi correttamente comunque l'urologo le ha dato da prendere un antibiotico. In ogni modo usi saponi neutri per lavarsi ed eventualmente dopo consulto con il suo medico potrebbe usare delle pomate al cortisone sul meato uretrale del glande. Cari saluti
[#6] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Gentile dottore, non so proprio cosa pensare, ho dormito tutta la notte con un dolore testicolare allucinante. Al tatto mi sembrano diversi dal solito. Onestamente mi sembra di impazzire.
[#7] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Sto prendendo ciproxin come chiesto dal medico. Ma onestamente, nonostante tampone e primo motto abbiano dato risultato negativo, sono convinto si tratti di clamidia. Nell'ordine da due settimane noto di continuo uno scolo liquido trasparente quando abbasso prepuzio, una congiuntivite sempre presente, gola arrossata di continuo con annessa secchezza, dolori testicolari con diffusione pubica/pelvica che alle volte si irradia interno coscia (alle volte fitte e bruciori come fastidi), il meato sempre rosso. Se non sono questi segni !!! Non voglio fare di testa mia con antibiotici ma a me sembra che mi stiano facendo perdere tempo convincendomi che non ho nulla. Sto in uno stato ansioso che non riesco a chiudere occhio. Ora sto facendo ciproxin su consiglio urologo. Quanto può essere utile!?
[#8] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore la Clamysia è la più frequente delle infezioni trasmesse per via sessuale. In ogni modo per togliersi il problema converrebbe che facesse fare un esame colturale delle secrezioni uretrali per verificare la presenza del germe. Fatto il prelievo può prendere dell' Azitromicina compresse da 500 mg, 1 cp il primo giorno e poi per tranquillità una al giorno per altri tre giorni. In questo modo se è la Clamydia l'infezione dovrebbe scomparire. In ogni modo consulti un urologo che le può dare dei consigli dopo averla visitata. Mi faccia sapere. cari saluti.
[#9] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Gentilissimo dottore, non le sembri questa una mia divagazione e/o cercare un'ennesima patologia. Visti i risultati negativi di tampone, spermiocoltura, urinicoltura e esame primo mitto, e visto anche il parere dell'urologo e medico di base sull'esclusione di malattia venerea e nella fattispecie della clamidia, potrebbe un colon irritabile o infiammato determinare tale sintomatologia!? Mi spiego il dolore si manifesta sempre forte e lancinante in fossa iliaca sinistra dove potrei individuare il sigma retto. I dolori sono fitte brucianti in zona pubica e si estendono allo scroto e ai testicoli, compresi gli interno coscia. Se premo in fossa iliaca il dolore e fastidio si estende quasi fino all'ano. Da premettere che passo da stitichezza a feci normali a improvvise diarree con muchi. Che ne pensa!?
[#10] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
20% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile signore la presenza di una alternanza stipsi diarrea e l'emissione di muco con le feci fa pensare senza dubbio ad una infiammazione del colon ed in particolare di una infiammazione al sigma retto (proctosigmoidite). Per esserne certi è però necessario che lei si faccia visitare da un proctologo che possa vagliare il suo problema in questo contesto e darle la cura più appropriata. Sarebbe opportuno eseguire una colonscopia con biopsia per valutare la presenza di un quadro infiammatorio acuto o cronico. Nel caso darle una terapia antiinfiammatoria a base di mesalazina (ASACOL 800 mg x 3 /die).
Spero che lei risolva in fretta il suo disturbo. cordiali saluti
[#11] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2015
Troppo gentile dottore. Davvero. La terrò aggiornato. Grazie infinite.